Idomeni, dove l’umanità è stata sospesa. Parla “Medici Senza Frontiere”

Pubblicità

Di

profughi filo spinato.della Redazione

Si sapeva che era questione di tempo. L’altroieri mattina presto sono iniziate le procedure di sgombero del campo profughi di Idomeni, in Grecia, a causa del suo sempre più disumano sovraffollamento. La Macedonia continua a sbarrare il proprio confine, un’emergenza umanitaria di dimensioni catastrofiche è stata gestita da ruspe e poliziotti anti sommossa.

Poliziotti che hanno fatto la loro comparsa l’altroieri mattina verso le 5:00, ci racconta l’associazione Medici Senza Frontiere presente sul posto e da noi raggiunta. “Nelle prime ore del mattino, alcune centinaia di poliziotti in assetto anti sommossa hanno iniziato, lentamente, a riempire i bus fatti arrivare con i primi gruppi persone che son dovuti andarsene dal campo. Stando alle autorità greche, nelle prime 12 ore sono state evacuate 1780 persone a bordo di 37 autobus. La situazione è calma” continua MSF “e abbiamo ancora un accesso, sebbene ristretto, al campo che ci permette di continuare le nostre attività di assistenza medica grazie a un team di otto persone.

Medici Senza Frontiere ribadisce che non si oppone “allo spostamento di persone da Idomeni ad altri posti, ma solo se a queste persone saranno assicurate migliori condizioni e precise informazioni sulla destinazione, così da poter far prendere ai rifugiati una decisione ponderata e soprattutto volontaria.

Ma com’era la situazione a Idomeni, fino a pochi giorni prima dello sgombero? Risponde Cristian Reynders, coordinatore del campo di Idomeni, e il suo è un resoconto agghiacciante. “Nel tardo pomeriggio del 18 maggio, il team di MSF è stato testimone di una protesta che ha coinvolto alcuni rifugiati intrappolati nel campo che hanno provato a salire su un vagone ferroviario a cavallo del confine con la Macedonia. La polizia greca è intervenuta per stoppare la protesta usando dei gas lacrimogeni che si sono però diffusi in tutto il campo, entrando persino nella clinica di MSF obbligando il team a evacuare in tutta fretta 12 pazienti dei quali 5 erano bambini.

La situazione è drammatica, difatti Reynders continua: “I leader europei hanno abbandonato queste persone davanti a dei confini chiusi e in condizioni disumane. La loro disperazione aumenta giorno dopo giorno: non hanno possibilità di chiedere asilo, di ricollocazione o di riunirsi con la propria famiglia. Non è offerta loro alcuna alternativa umana.

Idomeni è diventata il simbolo della disumanità delle politiche migratorie dell’Unione Europea”, conclude Reynders con non poca amarezza.

On the 24th of May, the Greek police started to evacuate the camp of Idomeni, a transit camp where thousands of refugees have been stranded for over two months without adequate humanitarian assistance and with no access to asylum procedures. In the first hours of the morning, several hundred riot police started to slowly fill buses with the first groups of people to leave. According to Greek authorities at least 37 buses carrying more than 1780 people were evacuated in the first 12 hours. The situation is currently calm and whilst volunteers have been prevented from accessing the camp, MSF still has restricted access and continues to carry out our medical activities with a reduced team of 8 people (medical and deputy fieldco). MSF is not opposed to the movement of people from Idomeni to other locations, if they will be provided with better conditions, and if this is done on a voluntary basis by providing the refugees with sufficient information about the destination so they can take an informed decision. MSF asks the authorities to ensure that volunteers and NGOs are allowed to continue to access the people living at Idomeni camp for as long as they are there.
© Amir Karimi/MSF
On the 24th of May, the Greek police started to evacuate the camp of Idomeni, a transit camp where thousands of refugees have been stranded for over two months without adequate humanitarian assistance and with no access to asylum procedures. In the first hours of the morning, several hundred riot police started to slowly fill buses with the first groups of people to leave. According to Greek authorities at least 37 buses carrying more than 1780 people were evacuated in the first 12 hours. The situation is currently calm and whilst volunteers have been prevented from accessing the camp, MSF still has restricted access and continues to carry out our medical activities with a reduced team of 8 people (medical and deputy fieldco). MSF is not opposed to the movement of people from Idomeni to other locations, if they will be provided with better conditions, and if this is done on a voluntary basis by providing the refugees with sufficient information about the destination so they can take an informed decision. MSF asks the authorities to ensure that volunteers and NGOs are allowed to continue to access the people living at Idomeni camp for as long as they are there.
© Amir Karimi/MSF
On the 24th of May, the Greek police started to evacuate the camp of Idomeni, a transit camp where thousands of refugees have been stranded for over two months without adequate humanitarian assistance and with no access to asylum procedures. In the first hours of the morning, several hundred riot police started to slowly fill buses with the first groups of people to leave. According to Greek authorities at least 37 buses carrying more than 1780 people were evacuated in the first 12 hours. The situation is currently calm and whilst volunteers have been prevented from accessing the camp, MSF still has restricted access and continues to carry out our medical activities with a reduced team of 8 people (medical and deputy fieldco). MSF is not opposed to the movement of people from Idomeni to other locations, if they will be provided with better conditions, and if this is done on a voluntary basis by providing the refugees with sufficient information about the destination so they can take an informed decision. MSF asks the authorities to ensure that volunteers and NGOs are allowed to continue to access the people living at Idomeni camp for as long as they are there.
© Amir Karimi/MSF

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!