La protervia del calciatore (e la sudditanza del telecronista)

Pubblicità

Di

Simeone Riberydi Libano Zanolari

Un conto è lavorare per i vari “Milan o Inter TV-Channels” o per certi bollettini parrocchiali (Tuttosport), un altro per una televisione di servizio pubblico: nel primo caso si gioca a carte scoperte, nel secondo il tifo (nemmeno troppo mascherato) e la sudditanza nei confronti del campione è indecente, e offende chi paga il canone.

Crimen maiestis, la “lesa maestà” del diritto romano ha attraversato i secoli ed è arrivata nello sport moderno: il calciatore si ritiene intoccabile. L’arbitro non ha diritto di punirlo. Protervio, contesta a prescindere. Scrolla il capo, irride. È l’onda lunga della “deregulation” della coppia Reagan-Thatcher. Back to the jungle e niente Stato. Fa testo la legge del più forte, o quella “divina”. Sopra di me non c’è nessuno. Ed è per questo che nello scorso anno in Italia sono stati picchiati 650 arbitri, e che nel Canton Ticino le squadre non ce la fanno più a trovare candidati. L’arbitro, sul cattivo esempio dei grandi, è sistematicamente contestato già a partire dai “pulcini”. Insospettabili mamme e nonnine brandiscono l’ombrellino e si scatenano nel turpiloquio non appena la “giacchetta nera” osa sanzionare il pargolo, futuro Messi.

L’arroganza, ma anche la stupidità del calciatore non teme il ridicolo: il calcione alla tibia o alla caviglia nel gesto mimico diventa un calcio alla sfera, in spregio alle forma anatomiche. La presa con elementi di lotta greco-romana, rugby e catch-as-catch can (“ciapa ti ca ciapi anca mi”) viene mimata con un gesto vago e gentile, da buffetto quasi. Stupendo in questo senso, da antologia, il modo in cui Gimenez dell’Atletico Madrid, novello Minosse dantesco, ha avvinghiato Martinez del Bayern Monaco: “stavvi Minos orribilmente e ringhia”.  E qui viene il bello: perché il  virile Gimenez mima ciò che ha fatto con una mossetta non molto dissimile da quella famosa  delle  “sciantose” napoletane dell’Ottocento. Arriva la vittima, Martinez, e mima invece  la “cintura” subita. Clamoroso colpo di scena alla RSI: il commentatore tecnico Tony Esposito dice di non capire il comportamento di Gimenez. “Dovrebbe ammettere il fallo”, aggiunge. È una clamorosa novità: infatti basterebbe che tutti i suoi colleghi e tutti il telecronisti fossero meno ruffiani e servi dello star-system per migliorare di molto le cose, avendo in mano un’ arma formidabile: quella dell’immagine al rallentatore che al 95% non solo smentisce, ma sprofonda nel ridicolo il calciatore che nega per principio un’infrazione.

Basterebbe un pizzico di ironia, basterebbe mettere in risalto la discrepanza fra la realtà e la versione dal calciatore. E invece si preferisce passare oltre o al massimo usare il termine “contatto”, che peraltro esiste anche quando uno a gamba tesa spacca tibia e perone all’avversario. Anche una coltellata che penetra per una decina di centimetri nell’addome costituisce  contatto: fra la lama e le viscere. Troppe volte pure gli allenatori danno il cattivo esempio: come il tarantolato “Cholo” Simeone che non restituisce la palla o se la prende con Ribéry speculando su una possibile reazione e sanzione. A proposito di sudditanza: avete già sentito Platini, pessimo dirigente ma grande giocatore, dire una parola sulla degenerazione del gioco del calcio? Business is business. L’anatema scagliato da Shakespeare è sempre attuale: “you whoreson dog, you base football player!” “Cane, figlio di prostituta, spregevole calciatore”.

Sovente proibito in Inghilterra e Francia, il gioco del calcio nel Medioevo provocava risse e uccisioni. Codificato prima dai maggiori educatori e poi dai fondatori del moderno calcio, solo in data 8 dicembre 1863  pubblica 23 “rules”, regole. La decima dice: “neither tripping nor hacking shall be allowed, and no player shall use his hands to hold or push his adversary”. “Non sarà permesso lo sgambetto o l’entrata a gamba tesa, nessun giocatore potrà usare le mani per tenere o spingere l’avversario”. Sicuri che il nostro calcio a più di 150 anni di distanza sia sano?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!