Ma datti all’ittica!

Pubblicità

Di

Negli ultimi giorni le stragi nel Mediterraneo hanno causato tra i 700 e i 900 morti. In questi casi il popolo del web si divide in due: chi si dispera e fa denuncia di questo dramma che si consuma quotidianamente e chi se ne strafotte allegramente e continua a postare gattini e selfie.

Sartori screeMa poi ci sono le persone che vedono più in là, quelle che hanno a cuore i problemi della gente, anzi, dei “noss gent” e senza giri di parole vanno dritte ai nodi più scomodi di queste vicende. Una di queste persone è sicuramente Adriana Sartori, consigliera comunale di Balerna per la Lega dei Ticinesi e già in lista nel 2014 tra le fila del medesimo movimento per il Gran Consiglio ticinese. Infatti, l’Adriana in un suo post pubblicato ieri si preoccupa che tutti questi morti in mare finiranno per contaminare la fauna mediterranea la quale, ignava, si ciberà inconsapevolmente delle carni macerate degli affogati. Poveri pesci… e poveri noi! Infatti quei pesci che fino all’altro giorno si sfamavano di carogne eritree e libiche, finiscono poi sui banchi dei grandi supermercati svizzeri e noi li acquistiamo e consumiamo sulle nostre tavole. È una cosa deplorevole!

Cioè, questi clandestini negri se sopravvivono ce li abbiamo sul groppone e ci tocca sfamarli e dargli alloggio. Se invece crepano nel mare ci imputridano i pesci con cui facciamo le grigliate la sera con gli amici. L’eroina ittica di Balerna ha colpito: a confronto il WWF e Greenpeace sono dei dilettanti. La FAO si sta già mobilitando per il recupero immediato dei cadaveri prima che questi contaminino una fonte così preziosa di approvvigionamento alimentare per le popolazioni elvetiche del sud delle Alpi.

Non fa niente se in poche righe hai calpestato la dignità della vita umana e hai denigrato la disperazione di chi fugge da guerre e povertà. Hai preso la Carta dei Diritti Umani e ci hai incartato il pesce. Adriana aveva paura di sembrare macabra: la possiamo tranquillizzare, leggendo il suo post “macabra” è uno degli ultimi aggettivi che ci è venuto in mente.

Sartori screen 2

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!