Pace del lavoro: la grande truffa

Pubblicità

Di

lavoratoridi Bruno Samaden

Ha ancora senso parlare di pace del lavoro nel 2016? Si direbbe di no, considerando la brutta piega che stanno prendendo la nostra economia e le condizioni dei salariati.

Prendiamo il diritto di sciopero: nella Costituzione, “sciopero e serrata sono leciti soltanto se si riferiscono ai rapporti di lavoro e non contrastano con impegni di preservare la pace del lavoro”. Insomma, lo sciopero viene concepito un po’ come il far sfogare il ragazzino irrequieto per poi rimetterlo a regime appena ha finito. Eppure, guarda caso, nei contratti collettivi, trova sempre spazio una clausola che prevede l’obbligo della pace: divieto di diritto sciopero, proteste, ingoiare amaro e starsene zitti, farsi dare quattro soldi e ringraziare pure, magari tenendo pure la testa china. In pratica, il diritto di sciopero viene riconosciuto al lavoratore solo se non mette in pericolo la pace del lavoro: metti il tuo striscione, to’, ma non rompere le palle più di quel tanto. No, non è l’Inghilterra di Dickens: è la Svizzera nel 2016.

Sciopero2 ScioperoIl fatto è che questo impianto poteva andar bene 20 o 30 anni fa, quando se volevi cambiare lavoro (per qualunque motivo) se ti licenziavi ne trovavi un altro subito dopo. Ora non è più così, viviamo una fase di grandi cambiamenti e pochi – anzi, quasi nessuno – sono stati a favore dei lavoratori. Viviamo in un contesto europeo dinamico e crudele, ma con regole svizzere: la situazione non è più sostenibile, soprattutto per la classe dei salariati che si è vista via via privare di quasi tutti i diritti.

Stiamo esagerando? Proprio per niente! Uno studio recente del World Economic Forum (The Global Competitiveness Report 2014-2015) ha stilato una classifica riguardo alla flessibilità nelle assunzioni e nei licenziamenti. Più si sta vicini a 1, vuol dire che è ostacolata dalle normative; più ci si avvicina a 7, dominano le decisioni dei datori di lavoro. Noi siamo primi a pari merito con Hong Kong, totalizzando un punteggio di 5,7. A mo’ di paragone, la Germania è 109°, la Francia 134°, l’Italia 141°.

In tutto questo i lavoratori svizzeri il santissimo diritto di fare uno sciopero fottendosene della pace sociale quando lo potranno avere?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!