Sono sempre “casi isolati”?

Di

Poliziottodi Bruno Samaden

Interpellato da Massimiliano Ay, il Consiglio di Stato ha ribadito come le procedure di selezione dei futuri agenti di polizia sia parecchio rigida, e che vengono svolti numerosi accertamenti sia in fase di formazione sia di assunzione.

Ay si era giustamente preoccupato dopo il nostro scoop sul poliziotto con simpatie nazifasciste (http://gas.social/2016/01/27/fascisti-con-la-pistola/), e oltre questa risposta di facciata che punta a salvare capra e cavoli senza entrare affatto nel merito delle questioni poste da noi e da Ay, si è pure sentito dire – sempre dal Consiglio di Stato – che non sono necessarie ulteriori misure riguardo ai controlli durante le procedure di assunzione. Insomma, va tutto benone. Anzi, per Gobbi stupendamente: quel poliziotto da noi smascherato fu definito “un caso isolato”. Non ci soddisfa affatto la risposta arrivata al deputato comunista, e ci chiediamo quanti “casi isolati” dovremmo ancora vedere prima che il Governo (e il direttore delle Istituzioni) si rendano conto della situazione.

C’è stato il caso isolato dell’agente che postava materiale nazifascista su Facebook di cui sopra, ci sono stati i due agenti condannati in Appello a Locarno di cui – sempre noi – abbiamo dato notizia (http://gas.social/2016/03/19/agenti-della-comunale-di-locarno-pesanti-condanne-in-appello/, http://gas.social/2016/03/25/caso-dei-due-agenti-condannati-a-locarno-ecco-cosa-e-successo-quella-mattina/, http://gas.social/2016/03/29/polizia-di-locarno-caro-salvioni-fare-domande-non-e-interferire/), c’è stato il Rambo del Ceresio che ha minacciato senza motivo un tassista italiano (http://gas.social/2016/04/07/maledetti-terroni/), è notizia recente che a Lugano due agenti sono finiti nei guai per il trattamento riservato a un ragazzo. Sempre e solo “casi isolati”? Sul serio per il Consiglio di Stato va tutto bene benissimo e non c’è alcun problema? Sul serio le loro sono selezioni durissime? Alla faccia!

Noi di Gas, Massimiliano Ay e tutti i poliziotti che svolgono con perizia e correttezza il loro fondamentale lavoro avremmo meritato una risposta diversa. Perché non si parla di nostri pregiudizi: è un elenco di fatti. Ed è sempre più lungo.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!