UDC e Lega sono il potere, smettano di prenderci per il culo

Pubblicità

Di

quadri 1di Bruno Samaden

In una lunga intervista concessa venerdì a “Le Temps” Ueli Maurer ha detto che non c’è alcuna differenza tra la sua visione e quella dell’odiatissima Eveline Widmer-Schlumpf, dimostrando così una buona volta come la storiella dell’UDC partito di governo e di lotta non stia in piedi.

Possono berciare quanto vogliono e fare usi massicci di iniziative e referendum, ma poi quando sono in Consiglio federale tocca scontrarsi con la realtà. E il bollettino di guerra di questi ultimi giorni vede Parmelin aver fatto una figura di merda spaziale di cui abbiamo scritto pochi giorni fa (http://gas.social/2016/05/13/etica-ludc-non-sa-cosa-sia/) e Maurer dire tra le righe che sì, insomma, Widmer-Schlumpf nonostante i cannoneggiamenti di UDC e Lega i propri dossier li ha portati avanti bene. Quindi tutti i ritornelli contro “la ministra del 4%” e tutte le bastonate tiratele contro che ragione avevano? Nessuna, far su voti. Che dire, beati Democentristi e Leghisti che hanno elettorati i quali, anche se non combini un emerito cazzo e spari balle a destra e manca, ti rivotano compatti.

Epperò la questione inizia a farsi pesante, perché UDC e Lega portano avanti la stessa identica contraddizione. Urlano contro il potere, ma sono essi stessi il potere. L’UDC ha due Consiglieri federali, una massa di eletti, imperi economici a sostenerla, la Weltwoche al proprio servizio e ci fermiamo per carità di patria. La Lega ha la maggioranza in Consiglio di Stato, ha continuato la propria avanzata nei Municipi, ha un manganello domenicale pronto a spezzare le ossa di chi a turno sta più sulle balle, un portale al proprio servizio, editorialisti sedicenti “indipendenti” con la lingua a penzoloni, fior di aziende e personaggi che fanno simpatiche donazioni. Questo è potere bello e buono, ci arriva chiunque.

Hanno ottenuto il potere che tanto volevano, la smettano una buona volta di spacciarsi per forze anti sistema. Perché sono loro, “il sistema”.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!