Un vertice ottuso

Pubblicità

Di

Blattmanndi Angela

È arrabbiato coi media che hanno criticato il suo operato e in particolare con Sandro Brotz, moderatore della ‘Rundschau” (SRF). Lo chiama ‘Kotz’ (l’equivalente di “vomito” in dialetto svizzero tedesco) e prosegue: “Sarò contento quando scopriranno questo criminale e traditore e lo porteranno, in senso figurato, sul banco del macellaio. Sarò lieto se gli strapperanno i gradi, perché questo schifoso individuo compromette il futuro del nostro esercito e della nostra dottrina difensiva” (citazione tratta da “Zentralschweiz am Sonntag”).

L’autore delle  esternazioni è il capo dell’esercito svizzero André Blattmann, silurato dal neo consigliere federale Guy Parmelin per aver scelto un costoso sistema antiaereo ritenuto ‘inservibile’ in base a un rapporto interno di esperti militari. Il pubblico è costituito da 150 alti ufficiali di Stato Maggiore. Il nome del traditore/whistleblower  “da macellare” non è per ora noto. Bersaglio principale è ancora una volta un giornalista che fa il proprio mestiere. I responsabili della “Rundschau” hanno chiesto le scuse dell’ormai ex comandante di corpo, mandato in pensione anticipata e dorata con il pieno stipendio garantito per un anno. Ma le scuse di Blattmann, giunte lunedì pomeriggio, non bastano. Il Gruppo per una Svizzera senza Esercito chiede le dimissioni – per incompetenza – di tutti i personaggi coinvolti, in particolare del comandante delle forze aeree Schellenberg colpevole di aver dilapidato miliardi per un sistema difensivo inservibile.

Rabbrividiamo all’idea di un esercito affidato a questi personaggi.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!