Che differenza c’è tra “Allah hu akhbar” e “Britain first”?

Pubblicità

Di

REGNO UNITOdi Jacopo Scarinci

Una deputata laburista inglese, Jo Cox, è stata ammazzata a colpi d’arma da fuoco e coltellate da un tizio che l’ha assalita urlando “Britain first!”. Cordoglio, dolore, ricordo commosso di Corbyn e belle parole di Cameron. La Gran Bretagna, Paese che tra una settimana esatta andrà alle urne per il voto più importante della sua storia, cioè quello sulla Brexit, assiste confusa e scioccata a questa tragedia, a questa negazione della democrazia, a questo affronto alla libertà di pensiero.

Se una persona qualsiasi viene ammazzata al grido di “Allah hu akhbar” siamo tutti pronti a parlare di immigrazione, scontro di civiltà, Occidente assediato, invasione islamica. Maltrattiamo persone che non c’entrano niente per la loro religione, ci ergiamo a entità supreme e infallibili in nome del nostro progresso e della nostra civiltà. Civiltà e progresso che però hanno al loro interno – a dimostrazione che la perfezione non esiste, nemmeno da noi – anche uno squilibrato nazionalista che ammazza a sangue freddo una deputata di sinistra ed europeista, impegnata nel sociale e a sostegno di Save the Children. I pazzi criminali esistono ovunque, anche nel Paese di Thomas Hobbes e Winston Churchill.

Assistiamo ammutoliti perché non sappiamo con chi prendercela, in questo caso non c’è un nemico. Se uno compie una strage urlando il nome di Allah automaticamente l’Islam è responsabile di quella strage e tutti i musulmani da spedire a casa loro – Trump dixit. Ma ora? Se questo criminale ha ammazzato una persona urlando “Britain first!” è per caso colpa di Boris Johnson, Micheal Gove, Nigel Farage e dei “leavers” britannici? Ma figurarsi. Ed è qui che scatta un corto circuito di quelli spiegabili a fatica, nel mondo impazzito di oggi.

Un assassino è un assassino indipendentemente dai deliri o dalle motivazioni – religiose, politiche, è uguale – che lo portano ad ammazzare. Quando capiremo questo, allora sì che potremmo definirci occidentali.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!