Colpa dell’Europa? Che alibi fragile

Di

europadi Marco Cattaneo

Ha ragione da vendere Romano Prodi quando, in un’intervista concessa alla RSI dei quali ampi stralci sono stati riportati da La Regione di oggi, afferma come l’Europa sia sempre più considerata come un capro espiatorio.

Ha ragione da vendere perché è semplicemente così. Contro l’Europa e l’UE vengono lanciati strali da Paesi che sono stati totalmente incapaci di riformarsi, di gestire il proprio bilancio, di adattarsi alle nuove sfide che globalizzazione e mercato hanno imposto. Il “ce lo chiede l’Europa” in risposta a chi critica riforme oggettivamente pesanti è un alibi triste e fragile: è la situazione drammatica che ha richiesto manovre economiche lacrime e sangue, correzioni di bilancio, riforme del mercato del lavoro. A chi protesta contro la “loi travail” in Francia prendendo a sassate ospedali e negozi, andrebbe spiegato che non sono né Valls né l’Europa il problema, ma l’incapacità francese di riformarsi negli ultimi vent’anni. Il vituperato Renzi in Italia ha fatto più riforme da solo in pochi mesi che interi governi in vent’anni: favorevoli o contrari ad esse, non è l’Europa che li ha obbligati ma il ritardo cronico italiano nell’adeguarsi al mondo che cambia. Non è nemmeno colpa dell’UE il disastro greco: anni e anni di bilanci truccati, assunzioni allegre, sgravi fiscali assurdi e l’avere più dipendenti statali che privati era ovvio avrebbero portato a questo dramma. Per non parlare del Regno Unito, che domani voterà il rimanere o l’andarsene dall’UE. Tutte le colpe che affibbiano all’Europa non sono altro che loro mancanze e figlie delle politiche conservatrici di Cameron, lo dice il leader laburista Jeremy Corbyn a Repubblica. Aggiungiamo sommessamente che se sei fuori da Schengen ma l’immigrazione è un problema la colpa è tua, non dell’Europa.

La questione europea rappresenta candidamente come gli Stati nazionali interpretino il concetto di “accordo”: onori tutti, oneri zero. Ma, soprattutto, l’Europa rappresenta il nemico stronzo perché ti apre gli occhi, ti dice che il tuo bilancio ha più buchi di uno scolapasta, che non è colpa dei migranti ma di te che non sai nemmeno prendere delle generalità. L’Europa non riflette altro che i fallimenti degli Stati che la compongono, e il fatto che questi invece di farsi due domande se la prendano con il capro espiatorio citato da Prodi spiega alla lettera il perché questa crisi economica, sociale, politica non accenni a finire.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!