Il padre di Gobbi: ora anche post antisemiti

Pubblicità

Di

gobbi e padredi Corrado Mordasini

Ormai a questo punto abbiamo sdoganato tutto. Il fascismo, il razzismo, la violenza, la cattiveria. Il Gobbi Padre, Mirko, ha già avuto l’onore delle nostre cronache per aver postato post filofascisti e razzisti.

Nonostante la nostra denuncia, da parte di Gobbi figlio neanche una riga. Da parte della stampa, neanche una riga. Da parte degli altri social media neanche una riga. E sì che il padre di un Consigliere di Stato dovrebbe, perlomeno per rispetto al figlio, tenere un profilo più basso.

Oggi Mirko Gobbi dà il meglio di se stesso condividendo un post antisemita, e qui ormai abbiamo raggiunto il fondo, anche se ormai nessuno si indigna più. Fa specie, perché la Lega stessa era quella che sul Mattino berciava come una matta perché l’Imam invitato all’inaugurazione di Alptransit aveva avuto frequentazioni antisemite.

Stendiamo poi un velo pietoso sulle frequentazioni con la Lega Nord e con Borghezio, ex filonazista che si fa i selfie col Boris Bignasca. Oggi siamo confrontati pure col babbo di Norman che non riesce, evidentemente, a trattenere il ditino quando c’è il pulsante “condividi”. Un post con il classico ebreo col naso adunco che viene accusato di schiavismo, perché nell’’elenco seguente figurano alcune navi schiaviste dell’800 che erano di proprietà di armatori ebrei. L’assunto è logico. Tutti gli ebrei sono schiavisti.

Chiederemo a Gobbi cosa ne pensa, noi pensiamo però che è ora di piantarla, non siamo bambini dell’asilo, e materiale del genere non fa che inneggiare alla violenza e alla discriminazione. Perlomeno Norman Gobbi dovrebbe essere sensibile a questi argomenti, visto che dirige la polizia del Canton Ticino.

Gobbi Mirko 2

Gobbi Mirko 3

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!