Indignarsi alla cazzo

Di

fumodi Corrado Mordasini

Nadia Ghisolfi propone in parlamento di estendere la legge antifumo anche all’esterno dei bar. Io, da ex fumatore, non sono particolarmente talebano. Apprezzo il divieto di fumo nei locali, perché gli alimenti difficilmente si sposano con il tabacco. Ritengo comunque che demonizzare il fumatore sia un po’ ingiusto. Già poverini si trovano come paria in capannelli a gelare d’inverno al di fuori di uffici e locali pubblici, vogliamo negargli anche il piacere di una sigarettina estiva? Il disturbo di qualche sbuffo di fumo all’aria aperta penso sia tollerabile.

Pensate quando al grotto siete perfettamente in linea col fumo della griglia.

Ma il punto a cui voglio arrivare non è questo. Scrive Claudia Rossi di Teleticino in merito alle reazioni sui social:

Vietare o no il fumo sulle terrazze all’aperto? La proposta, com’era prevedibile, ha suscitato una marea di reazioni, alcune particolarmente veementi. Se non erro siamo ancora in democrazia, ergo: ciascuno è libero di proporre ciò che meglio crede. Non vi piace? Ditelo. Si può fare anche senza insultare.”

E come darle torto? Oggi indignarsi sembra quasi uno sprt nazionale. A parte quelli che hanno il disco vendita: “…e sarebbero questi i problemi del Ticino?…” . Per questi tizi nulla è un vero problema del Ticino, nemmeno un meteorite grande come il Texas.

Seconda categoria, anzi, sottocategoria. Metorite grande come il Texas minaccia il Ticino: “E perché nessuno parla del piccolo meteorite che minaccia il Congo belga? Adesso tutti tacciono eh?”. Inutile commentare.

Poi ci sono quelli che rasentano l’insulto anche su post che di provocatorio hanno poco o nulla. Qui la povera Ghisolfi deve beccarsi attacchi dei liberisti a oltranza, quelli per cui la libertà individuale è un diritto anche se un tirannosauro ti sta sbocconcellando le gambe. Tiziano Galeazzi, infatti, afferma: Rasentare il talebanismo… un pericolo per la libertà dell’individuo”. E dai, mica ti incateniamo a un palo.

Poi ci sono quelli che i politici fanno schifo tutti d’ufficio qualunque cosa facciano. Pro fumo, anti fumo, favorevoli alle decorazioni liberty, contrari al sesso libero dei criceti. Insomma, cerchiamo di sorridere. È estate, teniamo l’indignazione per quando è davvero necessaria, per esempio quando la Sartori della Lega si schifa di dover mangiare le triglie che si sono abbuffate di migranti. O quando Regazzi propone l’ennesima amnistia fiscale. O quando aumentano ancora una volta i premi di cassa malati. Insomma… cosa fate li fermi?

Indignatevi!!!

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!