Robbiani, ma smettila!

Pubblicità

Di

robbiani 2di Corrado Mordasini

È affascinante come certe persone si ostinino a fare la figura dei cretini, perseverando in interpellanze senza capo né coda, che impongono al Governo risposte tra il piccato e l’imbarazzante.

D’accordo che vuoi farti pubblicità, ma almeno fai delle interrogazioni con una vaga parvenza di intelligenza. Parvenza abbiamo detto: vuol dire che le devi far sembrare intelligenti, neanche ti devi forzare di farle davvero.

Ma così no. È di appena qualche giorno la fa la risposta del governo sul povero Dell’Agnola (http://gas.social/2016/05/31/robbiani-umiliato-dal-consiglio-di-stato/) dove il Robbiani veniva sbertucciato, mentre tra le righe si capiva l’irritazione del Consiglio di Stato per dover rispondere a quella che in realtà non era nemmeno un’interpellanza ma un esercizio di astio e veleni gratuiti.

Oggi tocca agli asilanti (che strano), una delle dolci ossessioni di Massimiliano. Sarà anche lui uno pseudoleghista come la Sartori? Chi lo sa, sta di fatto che l’astio che esprime continuamente per immigrati non è neppure tanto velato. In una recente interrogazione, infatti, il Robbiani chiedeva al suo povero Governo lumi sui reati sessuali compiuti da asilanti. Bene, l’anno scorso su 33 casi riguardanti il reato di pornografia, solo uno era imputabile e un richiedente l’asilo.

Addirittura Ticinonews, non un portale propriamente di sinistra, titolava: “Reati sessuali, gli asilanti non c’entrano quasi mai.”

Ora, nessuno di noi è così ingenuo da pensare che un richiedente l’asilo sia per forza un santo, ma Robbiani si ostina a trovare il marcio dove non c’è. Che si interroghi piuttosto sulle centinaia di violenze domestiche che succedono ogni anno nelle famiglie, piuttosto che correre dietro a un asilante pornografo. Che faccia una buona volta qualcosa di pratico e tangibile per la sua gente invece di continuare a pavoneggiarsi per ramazzare la manciata di voti di quei livorosi che la pensano come lui.

D’accordo, magari i razzisti ti votano, ma ricorda che rappresenti tutti i ticinesi.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!