Teleticino rossa di vergogna

Pubblicità

Di

teleticino gambero rossodella Redazione

Il discorso è semplice: siccome Teleticino si becca milioni attraverso il canone, ha l’obbligo di riempire il palinsesto. Insomma, visto che ti prendi i soldi usali per le tue produzioni: falli fruttare, crea posti di lavoro, offri salari dignitosi, inventa, produci. Ricorderete sicuramente come il Consiglio di Stato avesse cazziato l’emittente privata, segnalando al Consiglio federale come non fosse proprio lecito (e di buon gusto, aggiungiamo noi) riempire il palinsesto puntando le telecamere sui propri studi radiofonici mandando in onda il parlato. Conseguenze? Pochissime, ad esclusione di un Lombardi incazzato come una iena con Gobbi e Beltraminelli pronti come un centometrista allo start a chiedergli scusa.

Adesso cosa si sono inventati quei maghi? Un accordo con il Gambero Rosso italiano! E per far che? Per promuovere l’enogastronomia italiana! Qua ci starebbe uno “uella” a caratteri cubitali: ma come, l’emittente privata (moltopiùche)filo leghista per eccellenza si mette a collaborare con lo straniero per far conoscere al meglio le meraviglie dell’alimentare Made in Italy? Il Mattino dell’altro ieri ha dedicato una pagina intera all’enogastronomia ticinese presentandola giustamente come importante opportunità economica e turistica, Teleticino (http://www.ticinonews.ch/ticino/295174/gambero-rosso-e-teleticino-al-via-la-partnership) risponde firmando una partnership con Gambero Rosso, canale televisivo italiano che da anni e anni – come si vanta l’emittente di Melide – diffonde il verbo dell’ottimo bere e mangiare italiano. Vabeh, sarà una cosetta dite? Nono. Si parte con 400 minuti di diffusione settimanale, che diventeranno 600 quando si andrà a pieno regime. Servizio pubblico? Prima i nostri? Avranno qualcosa da dire i leghisti promossi, ospitati e riveriti da MediaTI? Piccoli equivoci senza importanza?

Pippo Lombardi non ha niente da dire su quella storia dell’uso dei soldi dei cittadini? Il leghista/UDC Gianni Righinetti, tra uno strafalcione e una punteggiatura messa totalmente a caso, avrà qualcosa da ridire su questo mirabile uso dei soldi che Teleticino riceve dal canone? Che ne pensa il fiero fustigatore della RSI del fatto che il canale che ospita la “sua” Piazza del Corriere spenda così i soldi del contribuente? Robbiani farà una delle sue mirabolanti interrogazioni?

Attendendo risposte, ci permettiamo di mettere in risalto un passaggio del comunicato di Teleticino, quello dove viene vergato che questa collaborazione porterà “a generare una importante nuova marginalità.” Splendido, sublime.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!