Allez les (bruttissimi) bleus. Griezmann spiegato ai tedeschi

Pubblicità

Di

calcio euro 2016 neutrodi Jacopo Scarinci

Cari tedeschi, diciamolo, ieri sera non c’avete capito un cazzo di quel biondino con un cognome alsaziano che quindi, dai, sentite un po’ vostro ma che vi ha martoriato senza pietà autostima e granitiche, teutoniche certezze.

Si sprecavano le battutone sul percorso francese a questi Europei: Romania, Albania, Svizzera, Irlanda, Islanda. Mancavano solo il Real Paperopoli e Gibilterra alla lista, ma fato volle che in semifinale si trovassero davanti i campioni del mondo. Sì, ok, senza mezza squadra e con l’altra metà in forma come Fantozzi ma pur sempre loro. E difatti, nei primi 44 minuti la Francia ha offerto un calcio da doposcuola con Evra che se non ha preso a schiaffi duri Payet – larghissimo 3/10 per lui su L’Équipe ‘stamattina – c’è mancato poco, con un Giroud che Ceroni avrebbe definito agile come un tricheco fuori dall’acqua e una mediana inesistente. Poi succede che Schweinsteiger, uomo che da quando ha lasciato il Bayern è regredito a dilettante da quarta serie, decide di imitare Boateng contro l’Italia e gioca a pallamano in area di rigore. Il biondino di cui sopra va sul dischetto, pum, e l’1-0 più immeritato delle ultime decadi si materializza per incanto.

Ma son tedeschi quelli. Difatti la prima parte del secondo tempo riprende il copione in uso, solo che la confusione regna sovrana e più che panzer sembrano cuccioli di papere al primo bagnetto nello stagno. Non a caso, il 2-0 che si prendono è una roba che più da imbecilli di così non si può: vaccata difensiva, uscita a farfalle di Neuer e chi se non Griezmann a far cantare tutta la Francia.

Non lo voleva nessuno nel Paese di Platini e Zidane, troppo gracilino, via via. L’ha preso per una scatola di fagioli la Real Sociedad a San Sebastiàn, dove Griezmann è diventato uomo prima e calciatore poi. Pagato a peso d’oro dall’Atletico Madrid è diventato alfiere del Cholismo e se solo non usasse il piede destro solo per scendere dal letto chissà di che roba spaziale staremmo parlando.

Faccia da furbetto che la sa lunga, intelligenza sopraffina e corsa da centometrista. Quello che è mancato ai tedeschi ieri, e quello che ha mandato in finale un’orrenda Francia. Allez les bleus. Allez Griezmann.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!