Adotta uno stendino (ogni Mattino)

Pubblicità

Di

quadri anonymousdi Amatino Manucci

Un gesto deprecabile e che tutti, facendo astrazione della nostra fede politica, dovremmo condannare. È di fronte a fatti come questo che il Ticino e la Svizzera devono fermarsi a riflettere e tutti (anche i musulmani moderati) dovrebbero gridare con forza per far sentire il loro dissenso.

Perché tutti siamo rimasti colpiti da quella foto shock pubblicata dal Mattinonline (http://www.mattinonline.ch/qualcuno-pensa-di-essere-a-napoli/) in cui si vede, di fianco a un contenitore dei rifiuti, uno stendino della lavanderia lasciato in mezzo alla strada. E sono immagini che dicono più di mille parole e che hanno la forza di gettare in faccia al lettore e all’opinione pubblica in generale la nuda e cruda realtà delle cose. “Guardate questo scempio in Via delle Scuole a Lugano – scriveva il sito internet leghista – Qualcuno pensa di essere a Napoli?”.

Già. Non bastavano i bambini abbandonati (o quelli separati dai genitori a causa delle espulsioni coatte firmate da Norman Gobbi). Non bastavano i cani abbandonati in autostrada. Ora anche gli stendini. Stendini che, fino a quando servivano, venivano sfruttati nelle nostre case e fatti stare in piedi anche per tutta la notte (senza acqua e senza cibo) a sopportare il peso dei nostri vestiti firmati appena lavati. Poi, una volta superati da un modello più recente, ecco che vengono abbandonati di fianco a un cassonetto, quasi fossero immondizia. Non c’è più gratitudine e misericordia.

E allora non possiamo che unirci al coro di sdegno del popolo leghista che, su Facebook, ha deciso di condannare questo gesto (definito giustamente uno SCEMPIO – la cui definizione da vocabolario è: Atto di crudele violenza, strage; strazio. Rovina, distruzione; disastro, orrore) e di cui citiamo alcune frasi: “Ci vogliono le telecamere dappertutto e multe salate”, “Stupiamoci……lo stiamo diventando (come Napoli, n.d.r.) …….molti anni fa queste cose non succedevano. Grazie a chi ha permesso questo”, “Imparate gente, imparate dalla vicina penisola…..”.

E anche noi non possiamo esimerci dal dire che non ci sono più le mezze stagioni e che un tempo era tutta campagna.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!