E noi poveri imbecilli viviamo nella paura

Di

Pauradi Alessandro Schirm

Stanchi delle solite bufale del mattinonline, cerchiamo nuovamente, e siamo certi che dovremo farlo di nuovo anche in futuro, di confutare con dati seri ciò che la testata web della Lega insiste a pubblicare in evidente malafede. Noi non ci inventiamo i grafici e non distorciamo i numeri. Non ne abbiamo bisogno, perché i numeri ci danno ragione. Chi li falsifica è chi in realtà sa che le statistiche gli danno torto.

Un recente post del mattinonline, non firmato e con un grafico privo della fonte, pretendeva di stabilire che gli attacchi terroristici fossero quasi unicamente di matrice islamica. Purtroppo non è così, il terrorismo in Europa esiste da sempre e per informarci ci rifacciamo ai dati di Europol, l’Ufficio di polizia europeo, che ha le statistiche vere e non quelle false che individui ingenui o in malafede prendono come oro colato.

Il post, titolato “Il terrorismo non ha religione: i dati dimostrano il contrario” è uno dei più tristemente falsi pubblicati ultimamente. La solita zuppa, volta a infinocchiare la gente impaurita, per fare dimostrazione di virilità leghista e dare ad intendere che saranno loro a proteggerci da questa marea di islam sanguinario (leggi qui).

Proviamo allora per un attimo a fregarcene dell’islam e a fare un esercizio serio, seguendo i dati. Il 2016 non è ancora finito, prendiamo le statistiche della polizia europea, che potete trovare su internet senza problemi, e parliamo del 2015.

Nell’anno appena passato, l’Europa ha subito attacchi in 6 stati: 2 in Danimarca, 4 in Grecia e in Italia, 25 in Spagna, 73 in Francia e 103 nel Regno Unito, per un totale di 211. Tutti islamici? Eh no, sarebbe facile. La grande maggioranza non hanno matrice, e cioè qualcuno mette una bomba o spara senza rivendicare un bel nulla: 103 casi. Quasi la metà. Ora però, direte, arrivano quei maledetti jihadisti! No, separatismo e nazionalismo incatenano 65 attentati. Ecco, ora tocca ai benedetti presunti seguaci del DAESH, con 17 attentati. Sì, 17, e avanzano gli spiccioli dell’estremismo di destra e sinistra che hanno un dignitoso punteggio con 22 attacchi.

E noi poveri imbecilli viviamo nella paura. Sì, viviamo nel terrore, facendo il gioco di questa gente e ce ne freghiamo dei 127 mila morti all’anno in incidenti stradali (statistiche OMS), dei circa 9 mila suicidi all’anno (2012, statistiche Eurostat) o dei 7’800 omicidi circa (2012, statistiche Eurostat).

Ci lasciamo spaventare, diventiamo pavidi e assurdi, guardando in cagnesco ogni individuo vagamente islameggiante nell’abbigliamento e continuiamo tranquillamente a viaggiare in auto e a divorare insaccati. Certo che siamo belli strani.

Schermata 2016-07-28 alle 16.43.37 Schermata 2016-07-28 alle 16.49.35

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!