Firme contro la LIA di Zali

Pubblicità

Di

Zali Claudiodi Corrado Mordasini

La splendida legge di Zali, quella che dovrebbe risolvere i problemi del cantone non solo è invisa dagli artigiani, ma è stata addirittura istituita una raccolta di firme per farla stralciare. Dunque, nemmeno coloro che a sentire la Lega dovrebbero beneficiare dei vantaggi della LIA ne vogliono sapere.

Noi di GAS ne abbiamo parlato diffusamente in più di un articolo (leggi qui, e qui).

“Condivisibile e encomiabile è lo scopo della LIA, ma crea concorrenza sleale perché offre a tutti la stessa prestazione (tra l’altro obbligatoria), a un prezzo uguale, ma a un costo diverso”. Dichiara il carpentiere Andrea Gianola, promotore e tra i firmatari della petizione che chiedono l’abolizione della LIA. Gianola fa notare una verità lampante e molto poco sociale: la ditta che ha un operaio paga come chi ne ha 10. Gianola è chiaro e lampante, anche se non vuole addossare colpe a nessuno, credendo nella buona fede dei parlamentari che hanno votato la legge.

“Non riesco a trovare tra le mie conoscenze un artigiano che vuole l’introduzione dell’albo artigiani LIA, ma 89 deputati su 90 l’hanno votato. Io credo siano in buona fede e convinti di aiutarci, ma se nessuno del 26,6 % delle aziende con meno di 10 operai non esprime la propria contrarietà, non si potrà cambiare nulla”.

E da qui è nata l’iniziativa di costituire una pagina facebook con una raccolta di firme, https://www.facebook.com/sostieni.leconomia/?fref=ts. Volete essere partecipi dell’abolizione della tassa? Scrivete, firmate e postate a nome della vostra ditta. Se davvero vogliamo che sia il popolo a decidere, beh, più chiaro di così…

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!