L’UDC: sì ai Bilaterali

Pubblicità

Di

Migliori di FacebookÈ passata inosservata, ma è un vero peccato perché merita: la paginona intera di pubblicità dell’UDC con tagliando per iscriversi al partito pubblicata sabato sul CdT (e suppongo su altri media). Alla Lega devono essere girate le balle non poco che l’UDC nazionale tenti di sedurre il suo elettorato, e gli argomenti devono aver provocato un’incazzatura bestiale non solo ai leghisti. Albert Rösti, nuovo presidente dell’UDC, critica l’accordo istituzionale con l’UE (che peraltro non è ancora stato messo a punto) e difende – oh sorpresa – “la sperimentata via bilaterale”. Cito: “….la Svizzera gestisce i suoi rapporti con l’UE sulla base di accordi bilaterali, nei quali i reciproci interessi sono trattati pragmaticamente a parità di diritti. Inoltre in primo piano c’è la collaborazione economica”. Sui problemi del mondo del lavoro neanche una parola se non “Anche nel settore dell’economia, abbiamo bisogno di maggiore libertà. Di questa fanno parte il mantenimento di un diritto del lavoro flessibile, un minor carico fiscale per tutti, un approvvigionamento energetico sicuro….” che tradotto significa “licenziamento libero, come se non bastasse il fatto che la Svizzera è uno dei paesi al mondo dove è più facile licenziare, sgravi a balla a tutte le imprese, e manteniamo il nucleare che tanto poi lo smantellamento lo facciamo pagare a tutti”.

PS: oggi vedo che Blocher si è comperato un altro paginone (bé, i soldi all’UDC non mancano certo visto che è il partito che riceve più finanziamenti dalle imprese) per pubblicizzare il suo comitato. Il messaggio si fa sempre più chiaro: salviamo la libera circolazione, e prendiamocela con i diritti umani. Essì perché il comitato Blocher afferma, nel suo filmino pubblicitario: “…un paese prospera e cresce, la Svizzera: Disoccupazione ai minimi storici, più bassa disoccupazione giovanile, finanze pubbliche stabili, il maggior benessere, i salari più alti, massima soddisfazione nella vita”…. le stessa balle della SECO!

Gigia Porta

Rosti

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!