Marioli e Romano: no a costumi indecenti!

Pubblicità

Di

marioli nicholasdi Corrado Mordasini

No, dico, ma stiamo dando i numeri? Ma cos’è, l’aria d’agosto? I gas di scarico delle macchine? La canapa terapeutica? Non si sa, tant’è che al momento in cui imperversa la guerra in Siria e a Como sono accampati 500 migranti all’addiaccio sul confine, il vero problema è la tenuta da bagno.

I giovani leghisti, presi da un furore Buglionesco, vanno all’offensiva sia nel Sopra che nel Sottoceneri. Stendiamo un velo (non islamico, per carità!) sulla proposta di D’Errico a Locarno per vietare il burkini, e soffermiamoci piuttosto sull’iniziativa di Alessia Romano e Nicholas Marioli di Lugano.

I due marmocchi leghisti, che sembrano appena usciti da un libro della Santa Inquisizione, non si scagliano solo contro il burkini, ma anche sulle tenute che loro ritengono indecenti: dalla moda giovanile di portare le mutande sotto il costume da bagno a pantaloncino, alle tenute che, sempre loro, ritengono indecenti.

“Da un lato vi sono persone che si buttano in acqua in tenute inadeguate, che potrebbero turbare la sensibilità degli altri, da un altro lato c’è chi porta tute, le quali coprono quasi integralmente il corpo o portano ancora sotto il costume mutande, ecc.”

In poche parole, burkini a parte, che è un costume in lycra che copre tutto il corpo, bisogna dire ai ragazzi di non seguire la moda (anche scema, ma tant’è) e di togliere le mutande da sotto il costume? Ok, controlla Marioli o la Romano? E i costumi indecenti? Sarà Marioli a misurare i bikini per valutare se ottemperano alla giusta superficie di centimetri quadrati? Sarà la Romano a ravanare negli slip maschili per valutare se la copertura è adeguata?

Ma gli schifiltosi leghisti, che probabilmente non sanno che ci sono un sacco di bambini che fanno la pipì in piscina, si spingono fino alle estreme propaggini dell’igiene intima:

“Infatti solo tenute perfettamente pulite potrebbero essere accettate, ma è anche impossibile verificare questo aspetto.”

Ah, meno male, se no potevamo tenere all’entrata del lido un paio di laborantine dell’istituto di igiene e fargli prendere un campione da dentro le mutande, con un ticket per tutti i bagnanti. Se dagli esami risulti poco pulito, viene richiamato il tuo numero al microfono e ti sbattono fuori.

L’agire di questi ragazzi è sempre più divertente. Peccato che la politica sia una cosa seria, un esercizio per trovare delle soluzioni logiche e praticabili e non un palcoscenico per fare i pagliacci. Speriamo che crescendo i giovani della Lega possano avere un po’ più di sale in zucca e si concentrino sulla cosa pubblica invece di seguire facili sensazionalismi sull’onda di problemi inventati.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!