Se credete nella famiglia, finitela di spezzarne

Pubblicità

Di

filippini laradi Marco Cattaneo

Come è possibile difendere arcignamente la famiglia in quanto valore assoluto, ponendola al centro della società, e allo stesso tempo essere in prima linea ad espellere genitori per motivi economici come fa, in totale allegria, la destra nel nostro Cantone?

Questa, al netto delle polemiche su progresso mica progresso e diritti mica diritti, è la vera domanda da fare a Lara Filippini e alla destra tutta. Ed è una domanda che non può più essere elusa: è evidente a chiunque che per loro esistano famiglie di serie A e famiglie di serie B. Per loro il concetto di amore, aiuto reciproco e calore non esiste se uno dei due si chiama Ahmed o Estela e perde il lavoro, se si chiamano Piero e Gino, Maria e Giulia. E quindi chissenefrega se una famiglia viene sfasciata rispedendo a casa sua lo sventurato di turno con permesso B che perde il lavoro o se, addirittura, a due persone che si amano viene impedito di potersi definire “famiglia”. E da chi? Da Lara Filippini? Ma scherziamo?

Chi si riempie la bocca di termini come “famiglia” e bazzica chiese e religioni è spesso il primo a non avere la minima idea di cosa siano l’amore e il calore di una casa. Chi è ancorato a concetti medievali non è conservatore, è totalmente incapace di capire la società di oggi. E riuscire a far questo, in teoria, dovrebbe essere il primo requisito richiesto a un politico, a un rappresentante del popolo. Invece no. Ognuno ha le proprie convinzioni e va bene, anzi, benissimo. Solo che io non oso pensare cosa possa aver provato una persona omosessuale a sentirsi dare del cittadino di serie B dalla prima Filippini che passa. Per non parlare del dolore che può aver patito una moglie col marito “rispedito” a casa sua per motivi economici nel sentire i politici che hanno permesso tutto ciò blaterare di famiglia e amore.

Insomma, decidetevi. Nel mentre, però, smettetela di prendere tutti per il culo.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!