Boris, ma non era tuo zio che proponeva di far lucro sui migranti?

Di

Borisdi Corrado Mordasini

Boris Bignasca parte con la solita interrogazione settimanale, diventata un simpatico appuntamento come l’aperitivo della domenica o la cena dalla suocera. Bignasca si lamenta che i migranti spariscono dai centri di registrazione. Insomma: arrivano, non va bene, spariscono, nemmeno. Non è che poi si ritrovano tutti sotto casa del Boris, andranno in Germania o nei paesi scandinavi, anche perché se no ce ne accorgeremmo: il Ticino mica è Harlem, con 4’000 africani che si mimetizzano tra boccalini e luganighe.

“Questo dimostra quanto la Lega dei Ticinesi va dicendo da tempo, ossia che la migrazione in atto negli ultimi 5-10 anni verso la Svizzera e in generale verso l’Europa non è una migrazione di persone in cerca di protezione, bensì di una migrazione strettamente economica”

Ci sfugge il ragionamento. Questo dimostra solo che non vogliono stare in Svizzera, e a te in teoria dovrebbe andare bene no?

“Ciò nonostante, la situazione è evidentemente scappata di mano alla Confederazione e ai dipartimenti cantonali in carica della gestione dei sedicenti richiedenti l’asilo attribuiti ai Cantoni. A farne le spese sono la sicurezza interna e i costi della socialità; infatti, non vi è da escludere che coloro cui vengono affidati i sedicenti richiedenti l’asilo non annuncino subito la loro scomparsa, in modo da incassare comunque i soldi per vitto, alloggio e accudimento.”

“Non è infatti una novità che il “business dell’accoglienza” sia lucroso nell’ambito migratorio, come i vari scandali nella vicina Penisola hanno dimostrato” scrive ancora Bignasca. “Ma anche da noi è altrettanto lucrosa, visto il grande impegno delle opere sociali legate ad associazioni più o meno trasparenti.”

Il Businness dell’accoglienza era quello che per esempio era stato proposto da Attilio Bignasca a Girardi del Lumino’s, amico di merende di Bergonzoli, in seguito incarcerato. Attilio disse a Girardi: perché non prendi gli asilanti? Così il governo te li paga. Lo dicemmo tempo fa in un nostro articolo (leggi qui).

Oggi Boris, il nipotino, se la prende col businness degli asilanti, quando il suo zietto lo proponeva al bordellaro incarcerato? Ahi ahi, Boris. Va bene la memoria corta, ma qui siamo ai livelli di una mosca.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!