È il web, bellezza

Pubblicità

Di

Il “mistero delle braccia nere” è stato svelato. In una partecipata conferenza stampa di fronte al LAC, infatti, questa mattina Syndicom, il sindacato dei media, si è assunto la paternità di questa iniziativa volta da una parte a sensibilizzare verso una maggiore solidarietà, dall’altra al lancio di una app (trovabile su Apple Store e Play Store) che, richiamata dai messaggi comparsi scritti sulle braccia ritrovate in tutto il cantone, si chiama “HandsUp”.

Un’iniziativa comunicativa e basta la loro, certo, ma che a noi lascia spazio a non poche riflessioni. Eh sì, perché il fatto che giornali, testate online, radio e persino il sito internet della RSI la settimana scorsa abbiano ripreso la notizia di questi ritrovamenti dimostra come sia facile, in fondo, costruire una notizia. Chiaro, non siamo abituati a veder comparire braccia nere in giro per il Ticino, eppure questi ritrovamenti hanno fatto discutere utenti social, hanno trovato spazio nel mondo della comunicazione e, attraverso questo, sono state formulate ipotesi su ipotesi. C’è chi ha parlato di marketing, chi ha parlato di migranti e “NoBorders”, chi ha paventato colpi di Stato, altri ancora hanno temuto per la vicinanza della data di oggi con quella dell’11 settembre. Di tutto e di più insomma.

E allora è qui che la riflessione prende corpo: se un disseminar di manichini ha suscitato un dibattito così ampio, quanto è facile per poteri forti, manovratori, burattinai far girare – o imbrigliare – l’informazione? Se delle braccia nere sono riuscite a far discutere sui social e sono finite su tutti i medium ticinesi, quant’è facile per chi davvero può e vuole influenzare i social e l’opinione pubblica?

Insomma: è il web, bellezza. È quel magico posto dove le non notizie diventano notizie, dove molto è manovrabile, dove spopolano i siti bufala che vengono ammantati di autorità. E dove delle braccia nere hanno fatto pensare a colpi di Stato. Dà da pensare.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!