Facciamoci comprare dalla Cina

Pubblicità

Di

L’avvocato Paolo Bernasconi, in un’intervista al Corriere della Sera (leggila cliccando qui), coglie il punto su “Prima i nostri”: un voto (l’ennesimo) di pancia, crea più problemi di quanti risolva. Bernasconi spiega con chiarezza ciò che è sotto gli occhi di coloro che vogliono vedere. Qui non c’entrano la partigianeria o la politica, c’entra solo l’intelligenza. Lega e UDC continuano a portare avanti una politica di slogan vuoti che non hanno applicabilità. È come se chiedessi a gran voce una riduzione per i biglietti del battello per attraversare il lago e il battello non esiste. Un esercizio totalmente inutile e stupido. Ma leggiamo Bernasconi:

“Non si riuscirà ad attuare la norma prima di tutto perché è incostituzionale, introduce delle disparità tra cittadini e fa prevalere un criterio come la residenza sul merito e le capacità, condizionando la libertà di scelta delle imprese. Ma soprattutto sarà la realtà a imporsi. Sono in contatto con numerosi ceo di società grandi e piccole, che vivono di export. E sapete cosa mi dicono tutti? Che in Svizzera non c’è abbastanza manodopera, che abbiamo bisogno di lavoratori provenienti dall’estero. Torniamo al problema della mancanza di cultura economica: la Svizzera oggi corre un grosso rischio, quello che alcuni dei suoi gioielli imprenditoriali vengano acquistati dalla Cina, cioè un Paese statalista. E noi di che cosa stiamo a discutere? Di impedire l’arrivo di persone utili alle nostre aziende.”

E qui siamo sempre di fronte a cavolate solenni come la votazione del 9 febbraio contro l’immigrazione di massa. Se certa gente usasse il cervello invece di piazzare crocette a pera, si renderebbe conto che misure come un freno al dumping sono realistiche mentre la clausola di “Prima i nostri” è un’idiozia bella e buona, come spiega bene Bernasconi.

Riassumiamo per semplicità.

L’iniziativa come votata è incostituzionale (cioè, fa a pugni con la costituzione svizzera). Non è possibile far prevalere il diritto di residenza ad altre capacità. Detto paro paro, lascio a casa uno competente per dare il posto (sempre che lo voglia al prezzo che stabilisco io) a un residente che magari non sa fare questo lavoro? Ma come è possibile, mi chiedono alcuni, votare una cosa che non è attuabile? È possibile con la democrazia diretta, dove il diritto alla libertà travalica la logica. E allora io posso proporre ai cittadini iniziative che non hanno né capo né coda e non sono attuabili, e i cittadini possono votarle. Poi queste iniziative si schiantano allegramente contro il muro della logica e delle leggi, e questo fa ancora il gioco di chi le ha proposte e che poi, puntuale, sbandiera al “popolo” quanto siano cattivi i politici che non vogliono realizzare le loro volontà. Palle: non è che non vogliono, semplicemente non possono.

Questo è un sistema perverso e una presa per i fondelli della popolazione, soprattutto di chi si informa poco. È un dovere dei media smascherare queste votazioni-truffa, seriamente e con parole semplici, sennò domani arriverà la votazione “Viviamo fino a 200 anni” e ce la si prenderà col governo perché, invece, a 80 anni restiamo lì come baccalà.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!