Giustiziarli tutti quei mangiabambini del cazzo

Pubblicità

Di

E questi sarebbero i bravi svizzeri ligi alle leggi. Il popolo di Norman, quello che commenta in Facebook le sue esternazioni sulla manifestazione. Un Consigliere di Stato che si occupa di giustizia e polizia e che ospita, senza cipire, decine di commenti che, con una violenza inaudita, criticano la manifestazione di Chiasso.

Qui ciò che è vergognoso non è tanto la manifestazione, ma il permesso incondizionato che hanno certi ceffi platealmente fascistoidi di commentare nella pagina di un Consigliere di Stato che si occupa della giustizia. L’impressione è che la giustizia di Norman e dei suoi lupacchiotti vada in una sola direzione, quella contro le zecche rosse, i comunisti di merda, la feccia.

Qui è vergognoso che una personalità istituzionale non dica nemmeno una parola, non inviti questi psicotici alla moderazione. Invece di calmare gli animi, cosa che Gobbi in quanto ministro della giustizia dovrebbe fare, aizza le folle legaiole incoraggiandole col suo silenzio. Persino Quadri, che non è proprio una mammola, invita i suoi followers alla moderazione, Norman no, si vede che è abituato alle uscite del babbo o del fratello. (leggi qui, http://gas.social/la-mela-non-cade-mai-lontano-dallalbero/)

Leggete i commenti, abbiamo riportato qua sotto una scelta solo per voi, cari lettori. Leggeteli e domandatevi se la violenza sta in tre petardi e due sprayate sulle proprietà private o in questo vomito bilioso vidimato dallo stato.

William Storelli Sparare! Le forze dell’ordine devono aprire il fuoco contro la feccia!

Daniele Bazzurri Zecche rosse di merda…a manganellate…

Mirco Helmuth Pedroia Dargli fuoco noo?

Saliba Malke Giustiziarli tutti quei mangia bambini del c***o oppure diffida dal territorio Svizzero! Non siam mica in Italia!!!!!!

Alex Palme Caro Norman hai perfettamente ragione ma questi andavano presi a mazzate PRIMA del corteo! Carcati sui mezzi e sbattuti fuori a calci nel culo ! MERDE !!

Simone Gianola Dovevate sparare proiettili di gomma !!!

Patrick Galimberti Chiasso é la mia cittá, sono nato e cresciuto lí,…..a questi é andata bene che io mi trovo a 12000 Km dalla Svizzera…fossi stato in Ticino a Chiasso ci sarei tornato con la mazza da baseball

Giuseppe Pedroli No-BORDERS = persone fallite, frustrati, invidiosi e lazzaroni ! Subito mandarli ai lavori forzati !

Claudia S. Käser Gas lacrime, raccoglierli e campo lavorativo in Siberia!!! Senza ma e pero’ 🙂 e senza scrupoli su cosa potrebbero dire gli altri!!! Lozza dev’essere educata 🙂

Ale Rami Che schifo… Fate pulire la città con la lingua di sti poveri imbecilli..

Mattia Kofmel Norman gio legnat cun sta gent…se no pori num.!

Ressnig Andreas Frustrati nullafacenti figli d’androcchia.. La scusante dei migranti per far casino a loeo piacimento. Che ognuno di loro ne prendesse a carico a casa loro almeno 5 profughi..ma sono solo un mucchio di chiacchiere.. Convinti di sconvolgere il sistema.
Sono solo dei poveretti ..che senza i sodini di papi ..non tirano insieme un cazzo a parte la coca..

Nils Empire Botte botte botte poi multe salate + lavori pubblici + carcere è una lettera ai genitori che dovrebbero vergognarsi dei propri figli.

Giuliana Tengattini arrestare questi teppisti…manganelli sulle gengive…e passare alla cassa con lavori utili socialmente

Matteo Giobbe Questa gentaglia va presa a randellate.

Daniele Il Moro Moretti Ma un po’ di sane manganellate a sta genoria ?

Max Bartolini Io darei a questi imbecilli un rifugiato a testa da tenere e mantenere in casa per 1 anno. Invece che andare in giro a reclamare e sfasciare cose

Antonio Katya Florio Questa gente di merda dovrebbe essere espulsa dalla Svizzera insieme agli asilanti!!!!!! Pezzi di merda

Floriana Carmen Rotanzi Tutti a lavorare gratis x riparare ai danni….sinistroidi di m…..

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!