“Il modello di Ginevra è già applicato all’amministrazione cantonale”

Pubblicità

Di

Applicare il modello di Ginevra all’amministrazione al parastato e agli enti sussidiati. Questa sembra la proposta che intendono portare avanti gli iniziativisti di “prima i nostri”? Ma guarda un po’ che novità. Allora: 1. il modello di Ginevra è già applicato all’amministrazione cantonale. 2. La richiesta di estensione del modello di Ginevra al parastato e agli enti sussidiati è stata depositata dalla sottoscritta con mozione ed iniziativa nel marzo 2015. Consiglio di Stato e Commissione della gestione l’hanno quindi sul tavolo dal marzo 2015. 3. Il modello di Ginevra prevede la priorità nella procedura di assunzione per i disoccupati residenti, a condizione che le loro qualifiche siano uguali a quelle degli altri candidati. 4. Nella nuova legge sull’AET la priorità ai disoccupati residenti è già compresa, grazie ad un emendamento dei Verdi. Quindi se ho capito bene, ma credo proprio di sì, gli iniziativisti non hanno idea di come applicare l’iniziativa al settore privato. E li capisco, non è possibile! Per il resto chi sedeva in Commissione della gestione e chi ci siede ancora oggi dovrebbe sapere quali atti parlamentari sono in attesa di essere evasi e cosa propongono. Ah, dimenticavo, per il settore sociosanitario il principio della priorità ai disoccupati residenti è stato accolto dal GC nell’ultima seduta prima delle elezioni cantonali 2015.

Michela Delcò Petralli

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!