Il ritorno dei sauri

Pubblicità

Di

Lo so, sono masochista, cosa ci posso fare? È che a volte in quel gran casino di Facebook arrivi dove non vorresti, come andare in città e svoltare nella via sbagliata: un mi piace qui, un commento là, una richiesta d’amicizia… e poi sei da tutt’altra parte dove vorresti essere. La mia via sbagliata è il profilo di Lorenzo Quadri.

Lorenzino è incazzato a bestia, dopo ore ed ore di dibattito l’attuazione dell’iniziativa del 9 febbraio “Contro l’immigrazione di massa” è stata ridimensionata. Una “ciofeca” apostrofa un Quadri più che mai scontento, insoddisfatto e irritato (tra l’altro, ciofeca sta entrando come nuovo termine nella top ten dell’idioma leghista come gli intramontabili “uella”, “sedicente”, “kompagni” e “ta$$e”). Anch’io sarei irritato se fossi in Lorenzo, per una cazzo di volta che vado fino a Berna a presenziare a una cazzo di seduta perdo pure. Un po’ come seguire la tua squadra in trasferta una volta nella vita e ne busca da piangere per tutto il viaggio di ritorno. Ma basta parlare di Lorenzo Quadri, lui sappiamo che politico è e che temi porta avanti, ma quello che trovi sotto il suo post è da museo dell’orrore, il disgusto più becero ed arrogante. Il ticinesis ferox allo stato brado.

La chicca poi arriva da un certo Alessandro Sauro, che si dice pronto alla guerra. Ma non la guerra dialettica, politica, quella delle barricate ideologiche, magari a colpi di referendum e mozioni. No, Alessandro vuole la Guerra, quella vera. Promette a Lorenzo di impegnarsi per portare avanti tra le giovani generazioni una politica d’estremismo di destra, che se tanto mi dà tanto equivale al nazifascismo. Ma che bella gente che gira attorno al nostro consigliere nazionale biondo. Sauro da oggi si impegnerà nel riproporre l’ideologia di Hitler e Mussolini, di Pinochet e di Franco, istruendo orde di ragazzini, tramutando le loro frustrazioni adolescenziali in odio verso il diverso, in difesa della patria e della razza. Certo, uno che si chiama Sauro non poteva che proferire idee cavernicole, ma inneggiare al ritorno del nazifascismo e addirittura impegnarsi per questo ritorno, in alcuni paesi è ancora reato.

Questa è solo l’ultima riprova di che gente giri attorno ai politici più in vista del movimento dei “noss gent”, di che letamaio si scateni in rete quando questi personaggi postano le loro opinioni. Ormai neanche più ci sorprendiamo che alcuni soggetti commentino e che i loro commenti trovino spazio (e soprattutto visibilità) sotto i profili di persone autorevoli e onorevoli come Consiglieri di Stato, gran consiglieri, Consiglieri nazionali provenienti da Via Monte Boglia.

Ma loro sono i degni rappresentanti del popolo sovrano, Sauro è uno del popolo sovrano, Sauro è come loro… e vogliono le stesse cose.

14446196_10210926334981038_4461590214053406124_n

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!