Verme nell’occhio di una giovane vallesana

Pubblicità

Di

C’è chi ha la segatura nel cervello, chi il gomito del tennista e chi ne ha le balle piene. Qui però non si scherza ragazzi. La cronaca di questi giorni ci intrattiene con una notizia fondamentale e che agghiaccia più di un mojito versato nei pantaloni.

Annouchka Nanchen, signora vallesana, si è ritrovata un verme parassita nell’occhio della figlia. “Non ci vedeva più dalla paura!” pare abbia dichiarato al medico. “Ho cominciato a sospettare qualcosa, quando il gatto cercava di acchiappare l’occhio di mia figlia.”

Il loa loa sarebbe un verme parassita tipico di Africa e India, non si capisce dunque cosa ci faccia in Vallese. Secondo la madre, la figlia lo ha incubato per 7 anni dopo una vacanza in Camerun. Ma allora, ci chiediamo noi, se era lì da 7 anni senza rompere le balle, perché tanto casino? Lasciacelo no?

La madre si è lamentata della mancanza di specialisti in malattie tropicali in Svizzera, d’altronde in Camerun si lamentano della mancanza di ristoranti che facciano la raclette, e ci sembra tutto sommato normale in entrambi i casi.

Il verme è stato sottoposto a un trattamento di 3 settimane, atto a eliminarlo dal bulbo oculare della ragazzina. Patrizia Ramsauer ha già inoltrato un’interrogazione parlamentare al fine di inserire i nematodi, o vermi parassiti, nella costituzione. In parlamento ha preso la parola per spiegare meglio i suoi intenti:

“Anch’essi (i vermi parassiti NdR) hanno una dignità e dei sentimenti, soffrono, amano e si divertono come noi. Pensate che ho una tenia con cui da anni ho un ottimo rapporto. Ogni sera esce dal mio sfintere e ci facciamo una bella chiacchierata!”

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!