Di reginette gay e maschi alfa in crisi

Pubblicità

Di

Stupisce sempre meno che personaggi del mondo dello spettacolo, siano cantanti, attori/attrici, star della TV o altro, facciano outing dichiarando pubblicamente la propria omosessualità: da Elton John a Ricky Martin, Jodie Foster e chi più ne ha più ne metta, ormai le rivelazioni sono all’ordine del giorno.

Però quando a dichiarare di essere in una coppia omosessuale è nientepopodimeno che una reginetta di bellezza, ovvero Miss Svizzera 2013,  Dominique Rinderknecht, un po’ di scalpore lo fa: perché, diciamocelo, le reginette di bellezza sono un po’ messe là a perpetuare simbolicamente l’antica tradizione delle pretendenti che sfilano mostrando le proprie grazie al Gran Khan o al maschio alfa di turno che sceglierà fra di esse la sua favorita; la Miss, per l’uomo nostrano, è quella creatura spesso priva di discernimento che incarna ciò che da una donna egli si aspetta: giovane, carina, belle forme, vuole la pace del mondo (o nascere nel 1942 per non far la guerra, dicono) e le piace sculettare per farsi votare, per poi finire a condurre qualche grottesco talk show o partecipare ad un reality.

E invece, cari maschietti, vedo già aprirsi una crepa nella vostra placida sicurezza, sento il PLIN PLIN dei cocci delle vostre certezze che crollano, leggo la confusione nei vostri occhi: ma come, state sicuramente dicendo adesso, a quella, che sculettava sulla passerella in costume in pasto ai nostri voraci istinti e alle nostre sfrenate fantasie, piace la topa? Ma non erano tutte mascoline, ‘ste lesbiche? Non dovrebbero giocare a calcio o fare sollevamento pesi anziché infoiarci per poi farci crollare ogni speranza?

Sono desolato, amico maschio alfa, ma stavolta tocca a te sbattere contro la dura realtà: la Miss che hai sempre indicato alla tua amica, o magari anche alla tua fidanzata o moglie, come modello di bellezza, dando implicitamente dei dettami su come vorresti fosse la tua donna ideale, in realtà preferirebbe farsi la tua donna piuttosto che te.  È la nemesi per tutte le volte che hai chiamato qualcuno “frocio”, magari il cantante che piace alla tua ragazza: c’est la vie, stacci.

Al di là delle rivalse LGBT e delle prese per i fondelli del maschio alfa, la dichiarazione di omosessualità di una Miss è il colpo di grazia su un concorso che è un dinosauro sociale, un fossile vivente di una mentalità che sta venendo giù a picconate, per almeno un paio di motivi:

  • La Miss come “bellezza tipica nazionale” ormai nel 2016 è un concetto fondamentalmente sciovinista, per non dire quasi razzista, e se già fece scalpore una Miss Italia mulatta di diversi anni fa, il fatto che una delle ultime Miss Ticino fosse una ragazza di origine angolana e un’altra fra le prime fosse ucraina la dice lunga su come non esista più di fatto la “donna ticinese” archetipica. E questo è un bene, sicuramente.
  • Al di là di ogni moralismo sulla donna-oggetto, un concorso in cui vieni premiata e magari fai carriera perché mostri le chiappette e sculetti è un suicidio culturale, tout court. Soprattutto, nel momento in cui berciamo contro il burqa in nome dell’emancipazione femminile, un po’ di coerenza, suvvia! Bene hanno fatto in Islanda (sempre avanti, loro!) a iscriversi in massa al concorso per la Miss nazionale approfittando del fatto che il regolamento non specificava requisiti di genere ed età: ed eccoti pensionati, casalinghe, studenti, pescatori, e via dicendo. Poesia.

E allora, lunga vita alla Miss che ama la topa, viva il palestrato a cui piace l’uomo peloso! Abbattiamo a picconate gli stereotipi di genere, una santa volta!

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!