Ecco come sono messi i media in Ticino

Pubblicità

Di

Il mattinonline, che non ha ancora scritto una virgola sull’omicidio di Stabio, ieri ha sbattuto in primo piano nell’home page nome e cognome di un giovane di 19 anni che avrebbe commesso un furto con scasso in un grotto. Ticinonews, per non farsi mancare niente, ha ripreso la storia pubblicando anche la foto del ragazzo.

Sempre il sito di MediaTi, dimostrando tanta ignoranza e ancor più desiderio di fare tanti clic, aveva in precedenza definito rapina il semplice furto con scasso: almeno documentarsi, prima di scrivere. Ecco il livello dei media ticinesi. Il qualunquismo e il sensazionalismo la fanno sempre più da padroni, anche davanti alla decenza, sempre più assente, e allo Stato di diritto. E come poteva mancare la importantissima comunicazione del fatto che il coautore del 19enne (svizzero) sarebbe una persona di colore? Come si poteva rinunciare alla delizia di dare in pasto ai social network questo residente in Ticino già catalogato come rifugiato, amico di Lisa Bosia Mirra e via così con bestialità del genere?

L’informazione dovrebbe avere un ruolo nella società. Notiamo, sempre più disillusi, che in Ticino non è così.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!