Giovani UDC, andate a imparare l’umiltà

Pubblicità

Di

Fanno tenerezza i giovani UDC quando si indignano per il fatto che Lisa Bosia Mirra sia ancora in parlamento. Sicuramente imbobinati dai grandi, si lanciano in una tardiva denuncia su quanto sia ignobile che una persona che ha tradito i ticinesi sieda ancora in Gran Consiglio. Alcune considerazioni ai pargoli vanno fatte.

  1. La grammatica e la sintassi sono uno dei valori su cui si fonda l’italianità del Canton Ticino. Violentarle come fanno i giovani UDC è orribile. Il Ticino si merita movimenti giovanili che riescano a scrivere 10 righe senza fare 20 ripetizioni o senza che siano utilizzati vocaboli o forme grammaticali perlomeno dubbie. Tipo: Infatti, una volta che si ha il privilegio di esser eletti nel Parlamento, come Lei ne ha avuto l’onore” o “non si è più solo rappresentanti di coloro da cui si ha percepito il voto”. Lisa Bosia i voti non li ha percepiti. Al massimo li ha ricevuti. La percezione è una presa di coscienza soggettiva e col voto ha poco a che fare;
  2. Lisa Bosia Mirra, al contrario di ciò che dite, visto che la democrazia è rappresentativa, risponde soprattutto ai suoi elettori, che non sono pochi e l’hanno messa lì proprio perché è lei che li rappresenta. Con la sua umanità , la sua passione e il suo coraggio nel difendere i più deboli;
  3. Paragonare la violazione delle leggi di Lisa Bosia, che ha aiutato dei migranti minorenni che erano stati espulsi in violazione delle leggi sui diritti umani ratificati dalla Svizzera, a un omicidio è una stronzata che vi perdoniamo proprio perché siete giovani.

Volevo riportare alcuni brani dello sproloquio dei piccoli UDC, ma è solo una serie di ripetizioni e ridondanze anche abbastanza noiose. Ne riporto solo la frase finale: “Abbia l’umiltà di dimettersi e risparmi al suo cantone altre scenate del genere”

L’umiltà. Lisa Bosia non ha l’umiltà… Ce l’ha insegnata l’UDC l’umiltà, coi Blocher, coi Freisinger e qui in Ticino coi Pinoja e i Marchesi, che fanno votare ai ticinesi una misura inapplicabile e sono i primi ad assumere frontalieri, accampando scuse su scuse. Ce l’ha insegnata Tuto Rossi, che ha bruciato 21 milioni di franchi dei ticinesi in BancaStato ed è stato condannato per amministrazione infedele qualificata.

Ma andate voi a imparare l’umiltà ragazzini. Andate a impararla da gente migliore di voi.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!