Grazie a Zali i ticinesi pagano per lavorare a casa loro

Di

Non siamo stati delle Cassandre nel dire che l’albo Lia sarebbe servito oggettivamente a poco e, anzi, sarebbe stato un boomerang. I dati aggiornati al 30 settembre, e con il 50% delle domande inoltrate già trattate, sono impietosi: l’84% delle aziende che si sono iscritte (obbligatoriamente) all’albo sono svizzere, e la stragrande maggioranza di queste ticinesi.

La legge tirata fuori dal cilindro leghista di Claudio Zali, insomma, ha portato a questa facilmente prevedibile (noi del Gas lo diciamo da mesi) conclusione: la fregatura è tutta sulle spalle, e nel portafogli, degli artigiani ticinesi. Eh sì. Perché se le ditte che vengono da oltre Gottardo, dove si erano infuriati tutti, sono esenti dalle tasse e dall’Italia a iscriversi sono stati così pochi appare lampante come l’intero progetto sia all’insegna del clamoroso, e dispendioso, fallimento.

Lo spieghino Claudio Zali e i suoi accoliti ai noss gent, ai nostri pittori, ai nostri falegnami, ai nostri artigiani e ai nostri idraulici che per rompere un po’ i coglioni ai lombardi così per sport sono finiti a pagare una tassa di centinaia di franchi per, semplicemente, fare il proprio lavoro a casa loro. L’effetto ottenuto è che le relazioni tra Italia e Ticino, come se “Prima i nostri” non fosse sufficiente, sono state messe ancora più in difficoltà, i nostri artigiani sborsano una cifra non preventivata e il motivo di tutto questo sfugge.

Sfugge perché non c’è, tutto questo immondo teatrino è stato tirato su dalla Lega per la solita ragione: far propaganda, strillare, raccogliere voti, dare addosso a frontalieri e padroncini chiamati qui da noi (e da Attilio Bignasca in primis) ma rappresentati come usurpatori che arrivano di notte col paracadute.

Il senso di tutto questo?

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!