Il neonazismo non è semplice cronaca

Di

Insomma, nel 2016 e nella civile Svizzera succede anche questo: concedi l’autorizzazione per un concerto rock con band elvetiche, massimo 800 spettatori previsti, e ti ritrovi con 5-6 mila neonazisti a celebrare la loro esistenza.

E la cosa per molti passa così, agile. Cronaca, qualche interrogativo su denunce o non denunce. Cose che succedono, son ragazzi. Beh, non è proprio così: 5-6 mila neonazisti che si ritrovano in allegria a Unterwasser, canton San Gallo, non sono semplice cronaca. Sono un problema. E il problema non è sangallese, della polizia o della stampa tutta che deve decidere se mettere la notizia a fondo pagina o se far partire dibattiti etico-culturali come hanno fatto Nzz, Tages Anzeiger, Le Temps o Tribune de Genève. Il problema è nostro come umanità, come abitanti di questo mondo.

Perché in mezzo a noi non ci sono solo quei 5-6 mila. Sono molti di più. Sono molti di più nella ex Germania est, in Polonia, in Italia e sì, anche in Ticino. Sono molti quelli che con estrema disinvoltura e blaterando di Ezra Pound e Julius Evola – senza averli letti neanche di striscio – si professano nazisti un po’ come uno può professarsi interista. Ed è questo, in fin dei conti, il vero problema: la leggerezza nel dichiararsi nazisti. Quello che è un macigno della storia, la negazione dell’uomo spacciata per aspirazione alla sua elevazione, la lista lunga sei milioni e qualcosa di nomi che una volta erano vite oggi è una maglietta, un brand, una chiacchiera, un raduno camuffato da festicciola paesana.

Episodi come questo – Unterwasser non è il primo, non sarà l’ultimo – ci ricordano anche i nostri errori. Sì, perché anche noi non ne siamo esenti. Per qualcuno la Shoah è un’invenzione, in Francia un leader politico come Jean-Marie Le Pen ha definito le camere a gas “un dettaglio della storia”, per certi politici come Mario Borghezio è normale dire “il nazismo ha fatto anche cose buone”. E spesso si fa spallucce, si dice “povero scemo”, si pensa che la verità storica alla fine trionfi sempre e che l’ovvio sia ovvio. Invece no, anche l’ovvio va raccontato, spiegato ai giovani, descritto minuziosamente nella sua crudezza.

E già che ci siamo, iniziamo a cercar risposte a questa semplice domanda: in che modo possiamo anche solo sperare di andare avanti se molti, troppi non hanno la minima coscienza di che passato abbiamo vissuto fino a solo 70 anni fa e, anzi, se ne vantano?

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!