Ladri di lavoro e squarciatori di gomme

Pubblicità

Di

Da Ticinonews, traiamo il testo del volantino minatorio affisso sul parabrezza di una macchina in un supermercato italiano:

“Il testo (postato da un utente di Facebook con tanto di fotografia del volantino) è inequivocabile, e lo riportiamo fedelmente: “Vi piace venire in Italia a fare la spesa perché costa poco?? Ecco allora visto che non ci volete a lavorare in Svizzera (visto ultimo referendum) siete pregati di farvi la spesa a casa vostra. Supermercati ce li avete, dalla prossima volta che vi vediamo a comprare in Italia vi squarciamo le gomme della macchina e non solo”.

Immaginatevi i commenti dei primainostristi. Vi evito i turpiloqui, le smargiassate violente o le devianze patriottiche. Montare un caso, come si è fatto, su una cagata del genere è vergognoso, soprattutto per la nostra stampa. Pochi si ricordano però di un analogo fatto successo due mesi fa a una signora frontaliera, anch’essa aveva trovato un biglietto minatorio sotto i tergicristalli, citiamo sempre da Ticinonews:

“Frontaliere, lo sai che stai rubando un posto di lavoro a un ticinese che lo farebbe meglio di te? Pensaci, prima si sputare dal piatto dove mangi” (…) Oltre alla donna – che ha preferito restare nell’anonimato per paura di ripercussioni – pare che questa missiva sia stata fatta pervenire ad altri italiani che lavorano in Ticino: “E ho saputo che lo stesso foglio è stato lasciato sul parabrezza di altre vetture di frontalieri – ha raccontato l’operaia a La Prealpina – Contro di noi fanno terrorismo psicologico”.

Cosa ne desumiamo? Che ci sono in giro dei deficienti. Questo già si sapeva. E che gli animi non possono che essere esacerbati da tutto il livore che Lega e UDC buttano giornalmente sui lavoratori frontalieri. Non siamo qui a dire che siano tutte brave persone, come vediamo di imbecilli ce n’è a iosa da entrambe le parti. Ci domandiamo se noi ticinesi vogliamo davvero quella che si sta prefigurando come una guerra.

Una guerra che non farà bene ai frontalieri, certo, ma rischia di ripercuotersi anche su di noi. A rimestare nel letame, si sa, il rischio di sporcarsi è grande. Il Ticino, quello sano, quello competitivo, quello che fa bene il suo lavoro, non si merita queste cose.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!