“Dagli al nero” sport preferito del trumpismo

Pubblicità

Di

“Michelle Obama è una scimmia coi tacchi”, così si è espressa la sindaca di un buco in West Virginia vivaddio costretta alle dimissioni. Ma la lista è lunga. Anaheim, California: dei ragazzi bianchi hanno insultato una famiglia di colore urlando “Questo ora è il paese di Trump!”; Università del Texas: sono girati volantini che, “Ora che Trump è stato eletto”, inneggiano a squadracce di vigilantes interni da scatenare contro chi parla di diversità; Università di San Josè, California: una ragazza con lo hijab è stata quasi strozzata; Maple Grove, Minnesota: in una scuola sono apparse scritte inneggianti a Trump col corredo di “Whites only”; nel Connecticut una ragazzetta di colore si è sentita dire da un compagno “Ora che Trump è presidente, sparerò a te e a tutti i neri che trovo”.

Queste carinerie e molte altre, duecento in totale solo quelle certificate da una denuncia, sono state raccolte dal Southern Poverty Law Center americano e diffuse dal Fatto Quotidiano di ieri. Dopo giorni in cui chiunque ha blaterato di élites da abbattere, dell’eredità di Obama, di trattati internazionali e altre cose del genere ci troviamo di fronte al concreto: è saltato il tombino e le fogne stanno esondando, dimostrando in fin dei conti quale sia l’elettorato di Trump. E suscita sempre più il riso chi difende queste menti deboli e cialtrone parlando di disagio, protesta, globalizzazione e argomentoni da dottorato.

Il president elect si è fiondato alla CBS per dire a questi simpaticoni di fermarsi, di piantarla, che nonono, non va bene così, such a shame. Pensa te: mesi e mesi a insultare il mondo intero e ci si meraviglia che chi l’ha votato continui. Poco serve spacciarsi per istituzionali come Trump sta provando – fatica di Sisifo – a fare in questi giorni, l’humus è quello. E poco serve anche discorrere delle risposte al globalismo di Obama, alla crisi, ai “forgotten men”: questa è una valanga di volgarità e imbecillità.

Dire che sono ignoranti e razzisti non è squalificarli, né insultarli, né essere élitari: è descriverli.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!