La battaglia per i diritti umani

Pubblicità

Di

Dal 17 al 20 novembre a Milano avrà luogo BookCityMilano, un evento con al centro il mondo dei libri, della cultura, del pensiero. In questi tempi dove il populismo è sempre più dilagante, eventi come questo sono da seguire e cullare, valorizzare e diffondere. Rimettere al centro del dibattito la cultura, il suo ruolo e la sua missione è sicuramente un ottimo primo passo.

Assieme a tanti interessanti eventi (leggi qui il programma), è degna di nota la presenza, il 18 novembre alle 17:00, di Antonetta Carrabs. Poetessa, scrittrice, intellettuale, donna impegnata nel sociale ha vinto il Premio Donna 2015 con questa motivazione: “Negli anni ha realizzato moltissimi progetti dove, grazie all’arte, alla poesia, alla lettura e alla cultura, ha concretamente aiutato migliaia di persone nell’affrontare situazioni di disagio, marginalità e difficoltà.” Soprattutto grazie al progetto Zeroconfini, che vede la collaborazione attiva di personalità come il pianista Ludovico Einaudi, è scesa in campo nella grande battaglia della nostra epoca: quella per i diritti umani e contro la violenza di genere.

Zeroconfini è stata vicina alle donne martoriate in Nigeria, ai diritti umani calpestati in giro per il mondo, ha denunciato con dovizia la barbara fine di Lea Garofalo, sciolta nell’acido dalla ‘ndrangheta e raccontato della morte di Anna Politkovskaja, la giornalista critica verso il regime di Putin. Con la poesia e con la diffusione del bene del mondo combatte il male, denuncia le storture, fa indignare.

C’è bisogno di donne come Antonetta Carrabs, e bene ha fatto un evento come BookCity a invitarla. Ascoltiamola.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!