Le donne vittime chiedono un posto!

Di

Un’azione di guerrilla marketing per difendere i diritti delle donne maltrattate. Un’idea partorita dal Coordinamento donne della sinistra e dal Gruppo donne USS Ticino e Moesa, perché ognuno di noi rifletta sulla violenza nei confronti dell’universo femminile.

Le cifre fanno paura: il 35% delle donne nel mondo ha subito violenza fisica o sessuale dal proprio partner o da altre persone. Due terzi delle vittime di omicidi in ambito familiare sono donne.

Purtroppo anche la cronaca recente conferma come la guerra mai dichiarata al sesso femminile non trovi fine, testimoniando una relazione tra uomini e donne fortemente asimmetrica, segnata dal radicamento della cultura di dominio di stampo patriarcale.

Il prossimo 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne, facciamo anche noi un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza: occupiamo per loro un posto al cinema, in teatro, sul bus, sul treno o su una panchina, affinché la quotidianità non le sommerga. Facciamo tutto ciò che è in nostro potere affinché le donne vittime di violenza non perdano il posto che spetta loro di diritto nella società.

Vi invitiamo a diffondere l’iniziativa, a stampare il cartello e metterlo in tutti i luoghi che frequentate: bus, treno, cinema, teatro, sul posto di lavoro, al bar, nei consigli comunali
Se riuscite, fate anche una foto e mandatecela o postatela (con l’indicazione del luogo)

Per contatti potete rivolgervi alla pagina facebook: https://www.facebook.com/events/656823117825428/

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!