Bilaterali for dummies

Pubblicità

Di

Mi trovo spesso a discutere con persone che sostengono le seguenti tesi: “Voi di sinistra avete votato i Bilaterali, è anche colpa vostra”, oppure “ L’Europa ha bisogno di fare affari con noi, anche senza i bilaterali non rischiamo niente”. E roba di questo tenore. Proviamo a fare un ragionamento veloce e semplice, perché l’impressione è che non si sia in chiaro del tutto su cosa siano i Bilaterali.

  • La Svizzera, occorre ricordarlo, non è un paese dell’Unione Europea. È a tutti gli effetti un paese extracomunitario.
  • Nel 1992, gli svizzeri hanno votato per NON aderire allo Spazio economico europeo. Di conseguenza, la Svizzera ha dovuto, per poter commerciare con i Paesi europei, creare dei “contratti” particolari con ognuno di loro. Per questo si chiamano Bilaterali, vanno nelle due direzioni, per esempio tra Francia e Svizzera o Italia e Svizzera.
  • Gli elettori svizzeri, non i Bantu, hanno più volte confermato e sostenuto la via bilaterale. Essa è d’altronde l’unica per poter avere scambi commerciali con i paesi UE. I Bilaterali li ha votati proprio il popolo sovrano che adesso l’UDC sventola come foglia di fico.
  • L’UDC stessa in (costosissime) recenti paginate sui giornali ha sostenuto la bontà della “sperimentata via bilaterale”. Oltre alla solita incoerenza e il solito prendere in giro il popolo, c’è qualcosa che non sappiamo?
  • Aderire ai Bilaterali non significa aver calato le braghe, ma semplicemente aver creato delle vie per il commercio che il No allo Spazio economico europeo aveva precluso. Ribadiamo, i Bilaterali sono semplicemente dei contratti tra le due parti: niente contratto, niente commercio. Non esiste una via alternativa. Vogliamo rinegoziarli e chiamarli Pippo? Va bene, ma sempre contratti rimangono.
  • Le iniziative del 9 Febbraio e “Prima i nostri” sono di difficile applicazione NON perché manchi la volontà, ma perché cozzano coi contratti che abbiamo con i Paesi terzi. Se disdiciamo parte del contratto, disdiciamo tutto il contratto o c’è una penale, come nel normale Codice delle obbligazioni svizzero. Nessun Paese è così scemo da commerciare con noi in situazione di handicap, e cioè: io ho dei vantaggi e lui no.
  • Far credere ai ticinesi e agli svizzeri, come hanno fatto UDC o Lega, che siamo talmente importanti che la UE verrà col cappello in mano a pregarci di commerciare con loro è pura utopia. Siamo 8 milioni di persone, neanche il 2% del mercato.
  • Noi esportiamo nell’UE per il 55% e importiamo per il 73%. Possiamo mandarli al diavolo, ma la vedo grigia. Molti non lo sanno, ma la UE è la maggiore potenza economica al mondo, davanti anche a Stati Uniti e Giappone. La UE, come popolazione, si colloca dopo Cina e India con i suoi 500 milioni di persone. Il PIL della UE è di 13’900 miliardi di Euro. Vogliamo fare i duri? Accomodatevi, ma avvisatemi prima che emigro.

Dunque, dare la colpa ai Bilaterali, è come dare la colpa al vento che mi porta via l’ombrellone se invece di piantarlo bene nella sabbia l’avevo solo appoggiato. E i Bilaterali, se vogliamo eliminarli, dobbiamo fare come diceva Bertoli e rivotarli. Ma sapete cosa? L’UDC non ve lo chiederà mai, perché sarebbe un suicidio totale. Non è una questione di ideologie, è un fatto. Come è un fatto che il Regno Unito, cui auguro ogni bene, è totalmente nella palta in merito alla sua uscita dalla UE proprio per una decisione del genere. Mancano 600 funzionari che dovranno trattare con la UE e il tutto costerà alle casse inglesi 160 miliardi di euro. Un vero affare. Comunque provare per credere.

Chi chiede ai geni di Blocher quando voteremo per abolire i Bilaterali?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!