La lezione austriaca

Di

Come si replica allo sfascio e al degrado? Beh, qualche appunto su quanto successo in Austria è meglio che la sinistra europea lo prenda. E, magari, imparandone pure la lezione.

Alexander Van Der Bellen, candidato dei Verdi e per la seconda volta eletto Presidente della Repubblica – poco più che un passacarte e poco meno di un notabile, ma tant’è – ha vinto con lo slogan “Più Europa” combattendo contro i populisti dell’ultradestra austriaca e, per certi versi, pure contro i socialisti e il resto della sinistra. Perché è stato Werner Faymann, cancelliere e presidente del Partito Socialdemocratico dal 2008 allo scorso maggio, a far partire l’irrigidimento (eufemismo) della politica migratoria, la barriera al Passo del Brennero, i respingimenti. Gli elettori socialisti, dopo aver totalmente ignorato il loro candidato alle presidenziali, facendogli fare una figura che non avrebbe fatto manco Heinz portinaio di Kufstein, non si sono messi a fare distinguo e lezioncine: si sono resi conto che questo figlio di profughi di guerra, questo Alexander Van Der Bellen, era simile a loro. Europeista come la storia secolare dell’Austria, ambientalista, di sinistra come quanto e più di Faymann. Risultato: vittoria in primavera e anche domenica, nella ripetizione del ballottaggio contro Norbert Hofer dovuta a dei difetti procedurali nello spoglio dei voti a maggio.

E questo perché? Perché il campo progressista si è compattato: non ha fatto a gara a chi è più di sinistra, a chi è più puro, a chi è più bello. Si è accorto che davanti aveva Hofer e i neonazisti – non quelli dell’Illinois, roba seria – e si è reso conto che non era il momento per le polemiche da cortile e masochiste tipiche della sinistra. Non a caso, ieri, candidandosi alle primarie del PS francese, Manuel Valls ha spinto sul verbo “rassembler” rendendolo slogan e programma. I tempi dove l’ex Primo ministro parlava di due sinistre “inconciliabili” sembrano lontani.

Unirsi, superare polemiche sterili e francamente inutili, smettere di distribuire patenti, rendersi conto che di fronte c’è un’ondata populista da fronteggiare. Ecco cosa devono fare i progressisti. La ricreazione è finita.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!