Ash vs Evil Dead, la serie

Pubblicità

Di

Gli appassionati di Sam Raimi non si saranno fatti sfuggire sicuramente questa serie. Per gli altri diciamo solo che Raimi è il papà di “La casa”, un cult movie dell’1981. Ma “Ash vs Evil Dead” si ispira a un altro grande cult di Raimi, “L’armata delle tenebre” del 1992. Film in cui Ash (il viriloide Bruce Campbell), il commesso di un negozio di ferramenta, si trova catapultato, grazie alla nefasta interferenza del libro maledetto “Necronomicon”, in un medioevo improbabile. Ash grazie all’intraprendenza e a una motosega montata sul braccio amputato nella lotta con un demone, diventerà un leader presso i buzzurri cavalieri. Però, per tornare al suo tempo, deve ritrovare il Necronomicon. Ash fallirà e si troverà a guidare la sua fazione contro l’armata delle tenebre, un esercito di scheletri che… ma stiamo parlando del film sbagliato. La serie si basa su quel film, sì, ma Ash ha ormai superato la cinquantina e passa il suo tempo cercando di rimorchiare donne nei bar per portarle nella sua roulotte. Non stiamo a raccontare tutto e di come la riesumazione del Necronomicon dia la stura a una schiera di demoni incazzosi e macabri, ma possiamo dire che chi ha amato l’Ash giovane nell’armata delle tenebre non potrà fare a meno di parteggiare per l’Ash anzianotto ma ancora prestante e per i suoi amici a caccia di demoni per salvare l’umanità.

Campbell riprende ad agitarsi in un ambiente horror come se se ne fosse andato dal set l’altro ieri e non 24 anni fa. Ash è un personaggio dissacrante e divertentissimo. Un supereroe da supermercato, essendo egli fierissimo del suo negozio, lo S-mart. Videogiochi e fumetti hanno contribuito alla popolarità del film e della serie, serie che, con gli anni, entrerà sicuramente anch’essa a far parte dei cult horror-comedy.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!