“Caro Facebook, vogliamo eliminare ste pagine sì o no?”

Di

Mentre noi discutiamo in modo compassato su anonimato e rischi di censure sui social ci sono interi gruppi che fanno strame di regole e civiltà, rispetto e dignità, e regrediscono a uno stadio davvero pre-umano. Branchi di allupati qui su Facebook mettono in pratica quella che credevo fosse solo una similitudine iperbolica, con il muro del gabinetto maschile degli autogrill. Carpiscono dalle pagine aperte del social innocentissime foto di ragazze e le riproducono come emblemi di prede sessuali, con tutto ciò che di ostentatamente morboso si può immaginare come “commento”. Gruppi dai nomi dichiaratamente onanisti, senza rischi di fraintendimento. Eppure tutte le donne che si sono rivolte a Facebook sono state rimbalzate con motivazioni patetiche, e con la beffa del suggerimento boomerang di bannare quelle pagine. Peggio ancora per chi ha provato a denunciare la cosa alla polizia postale: l’esperienza dei comuni cittadini alle prese con le offese e le ignominie del web è frustrante, sempre. Le risposte quasi in copia e incolla sono “aspettiamo”, “lasci perdere”, “tanto poi non si va mai a sentenza” (ed è vero), o la più disarmante “denunci la cosa a Facebook”.
Bene, allora chiediamo a Facebook: siete contenti di ospitare quei gruppi di Onanisti Anonimi, di lasciare che le bacheche di utenti perbene siano depredate di foto che poi diventano strumento di riti di coinvolgimento sessuale? Non nascondetevi: i nomi dei gruppi li sapete, vengono indicati ogni giorno da chi ha la forza di reagire, l’ultima ieri, ecco il link:
https://m.facebook.com/story.php…
Caro Facebook, li vogliamo eliminare, sì o no?

Enrico Mentana

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!