Caro Pontiggia, speriamo che Foa sia in vacanza

Di

Bello l’editoriale di Fabio Pontiggia di oggi sull’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca: argomentato, serio. Sì, anche un po’ gigione nel suo cerchiobottismo, ma quella è la storia del Corriere, che può farci il direttore. Bello, si diceva, non perché per una volta possiamo concordare con lui e la cosa già di per sé è catalogabile come evento, ma per il tono e proprio per quanto scritto.

Pur chiarendo che la gazzarra post elettorale mossa contro Trump non è stata particolarmente edificante, il pensiero del direttore del Corriere è questo: “A noi il presidente col ciuffo non piace: per i metodi (da maleducato della politica), per il programma (keynesismo superficiale, protezionismo deleterio, attrazione fatale verso i muri), per la presunzione (di rappresentare il popolo contro le vituperate élite o il cosiddetto establishment, dimentico del fatto che la maggioranza del popolo ha comunque votato Hillary Clinton e soprattutto che il popolo come entità omogenea, con interessi convergenti e persino identici, è una pura mistificazione, questa sì, populistica).” È grossomodo quanto sostiene il GAS da mesi, ma, e qui si resta un attimo interdetti, è l’esatto contrario di quanto sostenuto a cadenza stancamente, noiosamente regolare da Marcello Foa.

Noi siamo a favore di ogni possibile scambio di idee. Anzi, di più: siamo contro la fossilizzazione delle idee. Siamo per il dibattito, per la discussione, per le opinioni. Anche al nostro interno i membri della redazione e le firme principali su alcuni temi dissentono: ne discutono pacatamente, si confrontano e ne escono sempre migliorati. Perché è questa la funzione del dibattito: migliorarsi, aprirsi, conoscere. Però, adesso, stiamo parlando del Corriere del Ticino, che fa parte di un impero mediatico con tutti i crismi se rapportato a un cantone di 350 mila abitanti. E stiamo parlando di un giornale che, riguardo all’evento principale del 2016 e all’uomo che nei prossimi anni indirizzerà politica ed economia nel mondo intero, vede il direttore responsabile e l’amministratore delegato vederla diametralmente all’opposto. Il “programma” celebrato a più riprese da Foa, viene legnato da Pontiggia; la ormai mitologica “lotta all’establishment” che tanto piace all’amministratore delegato, viene smontata a pezzi dal direttore, anche perché lo stesso Trump ha riempito governo e squadra di élite; il riempirsi la bocca della pancia del Paese in rivolta contro Obama e i democratici costante di Foa, viene derubricato a sport minore da Pontiggia il quale, bontà sua, ricorda per la prima volta ai lettori del CdT che, sai com’è, il voto popolare (e con 3 milioni di crocette in più) l’ha vinto Hillary Clinton.

La speranza per Fabio Pontiggia è che Foa sia in vacanza alle Antille senza tablet né wi-fi. Perché noi siamo aperti al dialogo, il suo amministratore delegato (pare, eh) un po’ meno.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!