“I collegamenti nel Ticino unicamente a misura di turista”

Di

Alptransit.
Dice che i disagi in seguito all’apertura del tunnel siano insicurezze di gioventù, risolvibili con la sperimentazione pratica.
Sarà.
L’altra sera per tornare a casa da Zurigo la mezz’ora guadagnata (e già qui ci si potrebbe fare più di una domanda) l’ho persa dovendo tornare a casa a piedi dalla stazione. Infatti sia a Tenero che a Locarno non esistono più, per alcune fasce orarie, le coincidenze con i bus della rete urbana. Neanche farlo apposta il treno era affollato di studenti provenienti da… Ginevra perché dalle Centovalli non è più possibile rientrare dopo un certo orario.
Dopo 13 miliardi di franchi e 17 anni di lavori il Ticino, come al solito, non è stato in grado di farsi trovare pronto mentre per la pianificazione oraria sembra che il nostro Cantone abbia bisogno unicamente di collegamenti a misura di turisti.

Andrea Riberti

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!