Paradiso: candidato leghista in odor di antisemitismo?

Di

Tra poco ricorrerà, come ogni anno, il Giorno della memoria. Inutile che ci raccontiamo quello che dovrebbe essere inciso nelle ossa e nel sangue di ognuno di noi. Quel giorno non è solo la commemorazione dell’Olocausto, ma anche il rimarcare l’orrore di un’ideologia che aveva fatto dello sterminio una banale questione contabile. Troppi oggi non sono coscienti di ciò.

Troppe persone fanno infatti una grande confusione senza sapere, a mio parere, esattamente cosa e chi sono, e a chi devono il fatto di esistere. Mischiano patriottismo, antisemitismo e religione, e sono poi queste persone che non ci fanno sentire molto tranquilli nelle nostre case, perché certi segnali ci hanno insegnato a diffidare non solo del nazismo, ma da tutte le ideologie estreme. La recente recrudescenza di estremismo islamico e di destra nazionalista è sotto gli occhi di tutti.

E fa strano che sia proprio la Lega di Paradiso a mettere in lista, senza probabilmente nemmeno curarsene molto, Ibraimi.

Potremmo discutere su quanto sia discutibile che il candidato al Consiglio comunale di uno dei nostri paesi abbia come copertina della sua pagina l’immagine di Pablo Escobar, uno dei peggiori narcotrafficanti della storia, capo del cartello di Medellin. Discutibile ma non esecrabile, un peccato di gioventù, di un candidato che probabilmente confonde il ricco Escobar con un uomo di successo con l’unica pecca di avere centinaia di cadaveri sulla coscienza. Un po’ più preoccupante è la passione per le armi di Ibraimi, perché inquieta, di questi tempi, vedere persone armate in pose inequivocabili. Pose che poi di solito si vedono sui telegiornali a fatto avvenuto. Ma anche qui pecchiamo di pregiudizio. Uno può postare armi e a farsi fotografare col fucile mitragliatore senza essere un mostro. Poi però arrivano i post antisemiti: ”la teoria hitleriana non era poi così tanto sbagliata”, con gli “arbeit macht frei” e le stelle di Davide nel cestino. Escobar+tizio guerrafondaio+antisemitismo. Tutto questo non è bello. Abbiamo trattato con abbondanza il tema in passato. Anche quando aveva coinvolto agenti della polizia.

Ibraimi, curiosamente candidato per la Lega ed ammiratore del defunto Nano, è probabilmente un albanese di Macedonia, e nemmeno qui nulla di male, la sua nazionalità non è in discussione. Discutibile forse è la foto del soldato che bacia la bandiera albanese, almeno per la Lega e per tutto il casino che aveva tirato in piedi in merito alle foto di nostri soldati sul treno con, appunto, quella stessa bandiera. Ibraimi è anche musulmano. Perfetto, mica è un problema per noi. Ci preoccupa solo un po’, magari, la foto di combattenti albanesi musulmani che pregano e i post in cui lo stesso Ibraimi si mette a insultare chi lo definisce cristiano.

Ribadiamo, nessun pregiudizio, ma ci permettiamo di suggerire che Ibraimi non sia forse la persona più adatta a essere candidato per il Consiglio comunale a rappresentare il popolo tutto. Infatti si spera che non rappresenti solo l’islam antisemita e i patrioti albanesi.

La Lega di Paradiso, come in molti paesi, gratta il fondo del barile pur di candidare qualcuno. Dovrebbe però forse fare un attimino di selezione. Siamo infatti un po’ stufi di queste candidature a vanvera, fatte solo per riempire buchi e tirare dentro 4 voti. Nessuno pretende che i candidati siano laureati e integerrimi, ma magari una piccola selezione preventiva eviterebbe, poi, di doversi arrampicare sui vetri per giustificare al proprio elettorato certe scelte.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!