Riforma III, tutti in mutande!

Di

Meravigliosa e curiosa campagna quella che gira in questi giorni, riempiendo di mutandoni stesi i social. Prendiamo spunto da questo smutandamento virtuale per parlare di un rischio reale, quello legato alla Riforma III delle imprese. Detto in parole povere: l’ennesimo sgravio ad aziende. Bello. Bello finché non ci accorgiamo che i miliardi che verranno a mancare da questa parte dovranno essere recuperati altrove. Inutile dirvi dove, sarebbe insultare la vostra intelligenza di lettori.

Certo è che perlomeno i dati ci raccontano già cosa succederebbe, e non è una cortina fumogena, ma matematica. In una tabella (che riproduciamo sotto) la Berner Zeitung propone, prendendo a campione alcuni comuni bernesi, che effetto avrebbe la Riforma III. I risultati sono decisamente tragici. I comuni, che non vedrebbero compensate le perdite dalla confederazione, si troverebbero con un diminuzione media del gettito intorno al 44% e un aumento della quota a carico delle persone fisiche che potrebbe variare dal 10 al 38%.

Secondo altri calcoli, il solo comune di Lugano vedrebbe una perdita secca di 20 milioni. Presto detto cosa questo voglia dire. Chiusi i gabinetti pubblici, non c’è ancora molto da sfalciare senza creare dolori maggiori a quelli della vescica. Sociale, scuole, servizi, tutto andrà a soffrire per questa riforma. E se i soldi non bastano, si andrà a battere cassa dai cittadini, con buona pace della Lega che questa riforma la sostiene.

Possiamo continuare su questa strada e credere che sgravando aziende, che hanno già un regime fiscale tra i migliori in Europa, risolveremo il problema. Lo pensavano anche la ministra Masoni e i suoi amici liberisti anni fa e sono i loro famosi sgravi alle imprese che hanno precipitato anzitempo il Ticino nel baratro. Un’azienda sana, e chi fa impresa lo sa, gode in Ticino di una serie di vantaggi: una localizzazione centrale, degli ottimi servizi, un sistema stabile e un regime fiscale tra i più bassi, come dicevamo. Ridurre ancora le tasse non dispiacerà certo alle aziende, ma non è necessario. Ricordiamo che prima dell’economia ci siamo noi, perché siamo noi a farla girare ‘sta benedetta economia. Ad avvantaggiarsi di questi regimi fiscali saranno, come in passato, aziende a basso valore aggiunto e che non creano posti di lavoro per chi abita qui.

Nel frattempo le statistiche del DSS ci raccontano che, dall’anno scorso, i beneficiari di assistenza sono aumentati dell’11%. In febbraio abbiamo la possibilità di votare No, e di dire alla confederazione che al centro del villaggio c’è l’uomo, non l’azienda. Non ci sono partiti o movimenti che tengano, ci siamo dentro tutti. Se non vogliamo veder peggiorare tutto, votiamo No, con una sola voce! Diventiamo per una volta protagonisti della nostra vita, e non solo poveri spettatori piagnucolanti!

Non vogliamo che ci lascino in mutande!

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!