Salem – Ha’ayara Bo’eret

Di

(da un poema dei sopravvissuti all’Olocausto)

Brucia, fratelli, brucia!
Brucia il nostro piccolo villaggio
Spiriti oscuri infuriano in esso
Infuriano le fiamme della distruzione
Nessuna traccia rimarrà dal fuoco
E voi guardate senza offrire aiuto
Senza allungare le mani per aiutare a spegnere il fuoco
Il fuoco del nostro piccolo villaggio

Brucia, fratelli, Brucia
Perchè l’ora, Dio non voglia!, è vicina
Mentre le fiamme continueranno e ci distruggeranno tutti
Solo i muri saranno testimoni di ciò che è stato
E voi guardate senza offrire aiuto
Senza allungare le mani per aiutare a spegnere il fuoco
Il fuoco del nostro piccolo villaggio

Brucia, fratelli, Brucia
La salvezza è riposta solo nelle vostre mani
Veloci, allungate le mani e fermate il fuoco
Col vostro sangue, fermate il fuoco
Fermate il fuoco col sangue, non state distanti
Perchè le fiamme divampano più alte
Il fuoco è alto!

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!