Corriere farlocco

Di

A volte intervenire diventa un dovere, anche se le polemiche stancano. Un dovere, prima che giornalistico, civico. Perché certi titoli, certi atteggiamenti sono indegni di un giornalismo serio ed evocano più un certo giornalettismo da fake news. Probabilmente non impermeabili al rincorrersi dei social con titoli ad effetto (e ci stanno, non dico di no), anche quelli del Corriere del Ticino cadono nella tragica trappola della testata fuorviante per attrarre il lettore, ma che non ha nessunissima pertinenza con le realtà. Nell’edizione di ieri, sulla prima pagina, campeggiava il titolo principale: “L’ombra dell’ISIS fra gli asilanti”

Molta l’indignazione sui social, ovviamente fra le frange progressiste e fra coloro che ritengono che la deontologia professionale di un giornale indipendente e serio non dovrebbe scadere a questi livelli. Perché?

Beh, il centro asilanti e gli asilanti stessi non c’entrano niente. È sì vero che la persona arrestata lavorava nel centro asilanti, ma la cosa finisce qui. Sarebbe come ritenere responsabile la Coop perché un suo fornitore testimone di Geova faceva proselitismo presso i clienti. Il titolo dà subdolamente a intendere un coinvolgimento degli aventi diritto asilo, quando in realtà è proprio il contrario. Anzi, il reclutatore, svizzero (di origine turca) era attivo nella vigilanza del centro asilanti, e cercava di reclutare persone nello stesso.

Nessuna cellula terroristica dunque tra i richiedenti.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!