Domenica sarà una questione di civiltà

Di

Non Ada Marra e nemmeno qualche spalancatore di frontiere. La definitiva sconfessione arrivata ai vari Chiesa, Rösti, Pejman e Quadri sulla naturalizzazione semplificata in votazione domenica l’ha data Le Temps, oggi, in prima pagina. E non l’ha fatto con un poderoso editoriale o con chissà quali analisi e statistiche, no: l’ha fatto con una vignetta.

Nel disegno, il quotidiano di Losanna è riuscito a racchiudere tutti i pregiudizi e i falsi problemi sbandierati dagli oppositori di questa iniziativa. Protagonista, infatti, è una ragazza che si sente dire che la sua domanda di naturalizzazione viene rifiutata. Perché? Perché “Aha! La vostra nonna siciliana portava il niqab quando è arrivata nel 1946!”. E la foto brandita dalla commissione raffigura una signora col fazzoletto in testa usato da una moltitudine di donne per andare a messa e da tutte le donne che vanno in visita dal Papa. Sembra di essere in un film di Fantozzi, ce ne rendiamo conto, ma è quello che penserebbero in molti dentro Lega e UDC. E difatti quella di Le Temps non è una vignetta che fa ridere, ma che invita alla riflessione. Soprattutto riguardo alla sparata democentrista (senza fondamento) di una Svizzera islamizzata se passasse questa iniziativa.

Riflettiamo con questa vignetta. Pensiamo a quella compagna di scuola di nostra figlia con la famiglia qui da mezzo secolo ma che non è cittadina svizzera, pensiamo a quel ragazzetto nato e cresciuto in Svizzera in curva a vedere l’hockey ogni partita ma che, per Chiesa e Pejman, non può naturalizzarsi in un tempo più breve. Pensiamo al concetto di civiltà, senza nasconderci dietro tristi e inutili frontiere.

Anche, soprattutto mentali.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!