Durisch e Dadò: Gobbi, parla con noi!

Pubblicità

Di

L’affaire dei permessi falsi verrà portato ala presidenza del Gran Consiglio, lo chiedono il capogruppo del PS Ivo Durisch e quello PPD Fiorenzo Dadò.

Sgomberiamo il campo dai soliti pregiudizi. Questo non è un attacco alla Lega o al ministro Gobbi, ma è evidente che il legislativo voglia vederci chiaro. Tutti ci guadagneranno da una maggiore chiarezza e da controlli più intensivi. Il dipartimento, i ticinesi e le persone oneste in possesso di un permesso valido.

Ovviamente bisogna verificare due cose: che la questione non avesse maggiori ramificazioni, e che Gobbi avesse intrapreso tutte le misure per evitare che ciò accadesse. Un occhio di riguardo però, e qui speriamo che Durisch sia ben presente e in linea col suo partito, va dato ai dipendenti statali del dipartimento, che non possono vivere al loro interno uno stato di polizia. Controlli più precisi e frequenti non devono tradursi in un’ossessione vessatoria che renda il clima pesante e ingestibile. Ne andrebbe del lavoro svolto e del clima lavorativo all’interno del dipartimento delle Istituzioni. Nell’audizione di ieri, Durisch ha auspicato che vengano ripristinati i controlli anticorruzione già in vigore in passato all’interno delle istituzioni.

Ben vengano dunque le richieste di maggiore sicurezza da parte di Durisch e Dadò, ma stiamo sereni e non facciamo in modo che il mal agire di pochi si ripercuota sull’operato di molti che svolgono il loro lavoro con diligenza e serietà.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!