I dolori del furente Lorenzo

Di

Lo ammettiamo, a volte con Lorenzo Quadri non si sa da dove cominciare. Quando si legge quello che scrive si rimane interdetti, bloccati, increduli. E non è il solito discorso della bile travasata scompostamente su dei tasti, è forse ancora peggio: è totale scollegamento dalla realtà.

In un incomprensibile (e scritto coi piedi: è pieno di errori che neanche in prima elementare) pezzo pubblicato dal compiacente portale Legatv, Quadri infatti si è improvvisamente dimenticato di uno dei (tanti) motivi per cui UDC e partiti borghesi non considerarono minimamente la candidatura di Gobbi in Consiglio federale: i toni usati da lui e dal Mattino. E se lo è dimenticato perché è partito, ancora una volta, lancia in resta contro Didier Burkhalter, il quale ha avuto l’ardire di parlare di due temi: l’Accordo quadro con l’UE da una parte, le critiche al Muslim Ban di Trump dall’altro. Un capo della diplomazia di un Paese come la Svizzera che osa parlare dei rapporti con 500 milioni di vicini di casa e dello sfacelo che sono questi primi giorni della nuova presidenza americana, insomma. Grave? In teoria no, in pratica per il furente Lorenzo sì: infilando dentro di tutto, dalle regole non scritte elvetiche a Metternich, è riuscito a contestare le opinioni di Burkhalter con la solita, triste, sgraziata logorrea.

Un passaggio più di tutti ha destato stupore prima e risate poi: “Il nuovo presidente USA è insediato da una settimana ed il radikalchic Burkhaltèèèèr si affretta a schierare la Svizzera nei ranghi dei suoi oppositori (assieme alle carampane dello “star system” che, in nome della dignità della donna, pomettevano (sic) sesso orale a chi votava contro Trump). Ma naturalmente bisogna adeguarsi agli ordini di scuderia degli eurobalivi in disfacimento.” Secondo il collezionista di poltrone, Burkhalter ha reagito al delirio trumpista non perché davanti a un atto puramente fascista e odioso, ma perché comandano gli eurobalivi. Va bene avere delle ossessioni, ma così si sta esagerando. E quando si esagera si finisce col non capire più niente. Per Quadri che persone innocenti vengano respinte agli aeroporti suscitando indignate proteste in tutti gli Stati Uniti e nel mondo intero non è interessante, è meglio ribadire che in campagna elettorale Madonna disse un’idiozia.

Post verità e “fatti alternativi” stanno dilagando in tutto il mondo. Ma noi abbiamo anche Lorenzo Quadri. Che fortuna, eh?

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!