Il coraggio di Meret Oppenheim

Di

Per la maggior parte di noi, la vecchiaia arriva a nostra insaputa. E la allontaniamo, la rimuoviamo ricorrendo a mille camuffamenti estetici e mentali. Qualcuno tenta di frenare il corso del tempo stirandosi le rughe, altri come Anna Magnani ci scherzano sopra… “non copritemele, ci ho messo una vita a farmele venire”.

L’arrivo del tempo della vecchiaia ci offre l’ultima preziosa occasione per “tirar fuori” la nostra autenticità. Nel corso della vita abbiamo incontrato tante maschere e pochi volti. E noi? Giunti all’ultima soglia abbiamo finalmente il coraggio di sollevare la nostra maschera e di scoprire le verità presenti nel volto che ci guarda dallo specchio?

L’autenticità è forse la conquista più importante dell’esistenza: è il risultato della nostra capacità di fare scelte e di spendersi per realizzarle con coraggio. Significa essere se stessi fino in fondo, significa essere fedeli in quel mondo intimo e rigorosamente individuale che si sottrae a ogni valutazione da parte di altri.

L’immagine della settimana che vi propongo è la giustamente celebre radiografia del cranio, autoritratto di Meret Oppenheim, esposto all’intrigante mostra biografica in corso al LAC di Lugano . E’ un modo nel contempo coraggioso, poetico e scanzonato di guardare alla propria età. E’ come se Meret Oppenheim gridasse, in un duetto surreale con Marcello Marchesi :“L’importante è che la morte ci colga vivi.”

Meret sta dicendo: non aver paura che la vita possa finire. Abbi invece paura che possa non cominciare mai e che la tua esistenza rimanga vuota di passione, di impegno e di umanità evitando ogni rischio e narcotizzando cuore e cervello. Vivere è la cosa più rara al mondo: la maggior parte della gente esiste, nulla più.

Non inquadrabile e avversa a ogni concezione stilistica, Meret Oppenheim, afferrava la vita per la coda; in preda a tre ottimi elisir di giovinezza dagli effetti miracolosi anche per le nostre vecchiaie: la curiosità, lo stupore e il gusto della conoscenza.

(diffuso in Moby Dick, Rete 2, sabato 18.2.2017)

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!